Elettricista Milano 24 ore: i migliori professionisti di Milano a tua disposizione 24 ore su 24!

Clicca e chiamaci al 339.3817537

Finalmente un servizio attivo 24 ore su 24, 365 giorni

Siamo orgogliosi di presentarvi il nostro servizio di pronto intervento elettricista a Milano e Provincia, Monza e Provincia di Monza-Brianza. Siamo operativi 365 giorni all'anno, sabato, domenica e giorni festivi compresi. Elettricista in tutti i quartieri di Milano.

News - 25 maggio 2015

Modello unico per il fotovoltaico

Modello unico per il fotovoltaico a Milano: 339.3817537Molto spesso il motivo principale per cui si desisteva dall'installare un impianto fotovoltaico per fornire energia alla propria abitazione era la burocrazia tipicamente italiana che tendeva a rallentare di molto l'iter, che non ha così permesso una distribuzione capillare sul nostro territorio di questa fonte di energia.

Questo problema sembra che vada risolvendosi una volta per tutte grazie al decreto sull'approvazione del modello unico per la realizzazione, la connessione e l'esercizio di piccoli impianti fotovoltaici integrati sui tetti degli edifici, ovvero una serie di norme atte a far risparmiare i piccoli utenti sui consumi energetici.

Infatti il modello unico servirà a rendere le procedure più snelle e semplici per ogni fase del lavoro, a cominciare dalla realizzazione e finendo alla messa in esercizio dell'impianto, che non dovrà essere di potenza superiore ai 20kW e dovrà essere installato sul tetto dell'abitazione in questione.

Oltre a dover essere installato in aderenza o integrato sul tetto, per entrare nelle norme del modello unico, l'impianto dovrà rispettare anche altre caratteristiche, come ad esempio il massimale di potenza specificato prima, o ancora dover essere realizzato presso clienti finali già dotati di punti di prelievo attivi in bassa tensione, e di non essere in presenza di altri impianto di produzione sullo stesso punto di prelievo.

 

News - 18 maggio 2015

Protezione dell'impianto fotovoltaico

Impianti fotovoltaici a Milano: 339.3817537Corto circuiti, contatti diretti o indiretti e altre problematiche legate alla sicurezza e alla protezione di un qualsiasi impianto elettrico si applicano allo stesso modo anche agli impianti più moderni, come quelli fotovoltaici, che vanno realizzati sempre nel rispetto delle norme e delle leggi in vigore, per la salvaguardia non solo dell'impianto, ma soprattutto dei suoi utilizzatori.

A cominciare dall'inverter, ovvero la componente in grado di convertire l'energia elettrica continua in alternata, ovvero adatta all'uso domestico di tutti i giorni, vanno sapute scegliere tutte le soluzioni ad evitare pericolosi corto circuiti, come limitatori o una serie di più inverter, a seconda della situazione.

Per la protezione dai contatti diretti, invece, è sempre bene ricorrere a soluzioni di sicuro effetto come componenti con un alto livello di protezione alla penetrazione di solidi o liquidi, e di cavi rivestiti con guaine protettive, tutte necessarie per assicurare maggiore sicurezza e protezione.

Per prevenire invece i contatti indiretti, spesso la scelta più adottata è quella di progettare un sistema di terra con tutte le masse elettriche collegate a un conduttore di protezione, che viene a sua volta coordinato da un dispositivo differenziale.

Tutte le norme e le misure di prevenzione sono descritte ampiamente nelle norme CEI 64-8, che permettono di realizzare nella pratica l'impianto sicuro e funzionale di cui hai bisogno, ricordandosi sempre però di affidarsi a personale qualificato ed esperto in grado di venire realmente incontro ad ogni tuo problema e necessità per la protezione e la sicurezza del proprio impianto fotovoltaico.

 

News - 11 maggio 2015

Installazione impianto antenna TV

Impianti antenna TV a Milano: 339.3817537Grazie allo sviluppo di tecnologie sempre più all'avanguardia e moderne, installare un impianto di ricezione del segnale televisivo è diventato man mano sempre più complesso da progettare e realizzare, per questo è sempre bene affidarsi ad un antennista esperto che sappia intervenire con i giusti mezzi per assicurare un intervento rapido e di qualità.

Il segnale televisivo oggigiorno si divide in due grandi tipologie, ovvero quello diffuso tramite il digitale terrestre e poi i sistemi satellitari, e non essendo più in diffusione via etere, oggi ci sono anche ulteriori necessità come rendere l'impianto tv integrato ad altri sistemi per permettergli di connettersi ad internet, o di collegarsi ad un PC, così come ai più recenti tablet e smartphone.

Realizzare un impianto diventa così sempre più complesso, soprattutto in quelle situazioni come ad esempio quella di un condominio dove è possibile installare un'unica antenna centralizzata, o anche quando non è possibile realizzare nuove prese TV in casa, tutte problematiche da far affrontare a tecnici esperti in grado di fornirti la migliore soluzione alla tua situazione.

A seconda del tipo di impianto che si intende adottare, sarà poi necessario munirsi della strumentazione idonea come un'antenna parabolica con ricevitore satellitare per quanto riguarda la diffusione satellitare, o di un'antenna analogica con decoder nel caso si intenda ricevere il segnale digitale terrestre.

Il mercato oggigiorno offre diverse soluzioni sia per l'una che per l'altra categoria, proponendo una vasta possibilità di scelta in grado di soddisfare le richieste più diverse, e per poter offrire il miglior servizio in ogni contesto abitativo, e, non essendo sempre facile capire da soli quale sia la migliore delle proposte per il nostro caso, è sempre bene affidarsi ad un tecnico antennista che permetterà di avere installato l'impianto tv su misura.

 

News - 4 maggio 2015

Il libretto per gli impianti di climatizzazione e condizionamento

Impianti di climatizzazione a Milano: 339.3817537Gli impianti di climatizzazione e condizionamento sono stati equiparati a quelli di riscaldamento, e come tali dovranno essere controllati con periodicità a seconda della loro potenza e a seconda del loro periodo di funzionamento, ovvero estivo o invernale, con la stessa frequenza di quelli termici.

Il libretto dovrà essere rilasciato da tecnici autorizzati e di competenza, che dovrà effettuare le necessarie verifiche e controlli per stilare il rapporto tecnico per inviarlo poi al catasto regionale degli impianti, con periodicità di 1, 2 o 4 anni a seconda di quanto è stato stabilito dalle singole regioni.

Chi è in possesso del vecchio libro, potrà sostituirlo e aggiornarsi alla nuova versione al primo controllo di efficienza energetica o nel caso sia necessario un intervento di ripristino da guasti e malfunzionamenti che richieda l'intervento di un tecnico abilitato, con il libretto che andrà compilato dall'installatore nel caso di montaggio di un nuovo impianto, o nel caso di aggiornamento, la parte anagrafica sarà a carico del responsabile dell'impianto che potrà trovare tutti i documenti e i moduli necessari sul sito del Ministero dello Sviluppo, mentre per la stesura dei dati tecnici dovrà essere il tecnico a compilare i moduli necessari.

L'obbligo di adeguamento degli impianti ha la scadenza al 31 dicembre 2015, dopo il quale si potrà incorrere in multe e sanzioni in caso di mancato aggiornamento, e quindi entro il 1 gennaio 2016 ogni impianto di climatizzazione, riscaldamento o per la produzione di acqua calda dovrà essere adeguato alle normative vigenti e accompagnati dal nuovo libretto di impianto che ne descriva l'efficienza dei singoli componenti.

 

News - 27 aprile 2015

Manutenzione impianto d'illuminazione

Manutenzione impianto di illuminazione a Milano: 339.3817537Affinché un impianto di illuminazione mantenga intatte le sue prestazioni nel tempo, e per far si che il consumo energetico di questo sia sempre sotto controllo e sia ben gestito senza sprechi di corrente, è sempre necessario far si che tutte le parti che compongono l'impianto funzionino a dovere per non subire diminuzioni delle emissioni luminose o far fronte a spese più salate per consumi fuori controllo.

Le problematiche dovute all'azione del tempo sugli impianti di illuminazione fa si che questi subiscano costantemente un deterioramento non solo a livello della componentistica, in quanto è anche la luce emessa a far da segnale su quale sia lo stato del proprio impianto, in quanto un impianto con problemi è anche un impianto che emana meno luce di quanta dovrebbe.

Non sempre è facile però constatare da questi dettagli il bisogno che ha il proprio impianto di illuminazione di una pronta manutenzione, e altri segnali che possono far scattare l'interruttore d'allarme possono essere ad esempio la scoloritura dei materiali esposti agli agenti atmosferici o ancora depositi e carbonizzazioni di materiali sulla superficie dei riflettori.

I lavori di manutenzione sono importanti e non solo per tenere alte tutte le qualità che fanno la differenza fra un buon impianto ed uno malfunzionante, ma anche per assicurare la sicurezza di tutti quelli che avranno a che fare con questo, controllando l'isolamento dei cavi e di tutte le parti sensibili, in grado di causare anche gravi danni se lasciate nell'incuria.

 

News - 20 aprile 2015

Antifurto per la casa

Antifurto per la casa a Milano: 339.3817537Studi dimostrano come già la sola presenza di un impianto antifurto in casa funga da deterrente contro l'azione di malintenzionati e ladri, e per evitare di subire eventi sgraditi, come un furto in casa, dotarsi di un impianto antifurto senza fili o di un modello tradizionale via filo può impedire che si presentino simili spiacevoli situazioni.

Decidere oggi di avviare una serie di lavori per installare un antifurto per la casa conviene per più motivi, non solo pratici, ma anche economici, in quanto per tutto l'anno sono assicurate le detrazioni fiscali del 50% per la messa in atto di sistemi di sicurezza, riuscendo quindi a combinare l'affidabilità dei modelli più recenti e innovativi con il risparmio.

Per scegliere il miglior antifurto per casa però, non sempre basta la volontà di procedere all'installazione, infatti è possibile trovare sul mercato diversi sistemi di allarme, ognuno in grado di garantire l'inviolabilità della casa in maniera però differente, e per questo è sempre bene farsi accompagnare nella scelta da un tecnico esperto che valuti bene i pro e i contro di un determinato modello.

Le verifiche e la progettazione sono infatti attività più che necessarie per rendersi conto di quali siano i punti più sensibili della propria abitazione e quanti sono, per capire il numero di rilevatori e sensori necessari affinché la casa sia a prova di ladro, in quanto sono le parti più importanti dell'impianto, in quanto sono quelle che segnalano la presenza di eventuali malintenzionati alla centralina.

 

News - 13 aprile 2015

Interventi di manutenzione per l'impianto fotovoltaico

Manutenzione impianto fotovoltaico a Milano: 339.3817537Come per tutti gli impianti presenti nella propria casa, quello fotovoltaico deve essere periodicamente sottoposto ad interventi che evitino un progressivo deterioramento dei pannelli che una volta usurati o rovinati portano inevitabilmente ad una riduzione dei rendimenti elettrici, e inoltre possono essere causa di incidenti e danni indesiderati.

Quando il proprio impianto fotovoltaico comincia ad avere una produzione di energia elettrica sempre minore, ma non per colpa del cambio di stagione, questo è un forte segnale da non trascurare e che deve essere prontamente affrontato avviando una verifica di efficienza dei pannelli, che possono ad esempio essere ricoperti da una patina formata dallo smog, dal calcare o da residui organici cristallizzati sul vetro che limitano l'assorbimento delle radiazioni solari.

Per quanto possa essere ritenuta un'operazione piuttosto semplice, non sempre il luogo in cui è installato il pannello fotovoltaico è facilmente raggiungibile, ed è per questo che affidarsi ad esperti del settore può risultare maggiormente sicuro e conveniente, grazie all'uso delle migliori strumentazioni per effettuare l'intervento nel minor tempo possibile e con risultati ottimali, senza trascurare la sicurezza.

Ma quando il problema non risiede nei pannelli dell'impianto, allora gli interventi possibili restano quelli di controllo e verifica delle restanti parti dell'impianto, come i cavi, i fusibili, i caricabatterie e dei sistemi di monitoraggio remoto, che a seconda dell'impianto possono prevedere tempistiche maggiori o minori, tramite verifiche di ispezione visiva e di controllo del cablaggio dei collegamenti.

 

News - 6 aprile 2015

Installazione delle strisce LED

Strisce LED a Milano: 339.3817537Grazie alle innovazioni del settore, il mercato ci offre soluzioni per l'illuminazione dei diversi ambienti della propria casa, trovando sempre nuove risposte che riescono ad andare incontro ai bisogni dei consumatori, così come per le strisce LED, in grado di dare contemporaneamente un'illuminazione accattivante, riuscendo a decorare il punto in cui è messo impreziosendo l'ambiente.

Essendo poi semplici da installare e dal basso consumo energetico, stanno sempre più mettendo piede nelle case degli italiani, permettendoci di illuminare in modo decorativo e personalizzato le diverse parti della casa, e inoltre le strisce LED permettono un'ottima illuminazione grazie alle caratteristiche tecniche sempre di maggiore qualità.

La striscia è inizialmente un rotolo sulla cui superficie sono saldati i chips led, che può essere tagliata in più pezzi da applicare sul punto in questione, e questo è possibile grazie ai punti di taglio che ci permettono un uso pratico e semplice che ci concede la possibilità di personalizzare totalmente un ambiente secondo le proprie esigenze.

La flessibilità d'uso e le dimensioni ridotte di queste strisce infine, lo rendono un prodotto particolarmente adatto per quei punti in cui sono presenti curve e angoli stretti, per quanto si debba fare attenzione comunque alle curve con raggi stretti, in quanto è possibile piegare eccessivamente la striscia danneggiandone i componenti.

Infine, il consumo energatico dei LED è rinomato per essere molto basso, assicurando in questo modo una durata della vita di questi dispositivi di gran lunga superiore ad altre lampade o fonti di illuminazione artificiale.

 

News - 30 marzo 2015

Rilevatori di incendi

Rilevatori di incendi a Milano: 339.3817537Provvedere all'installazione di un impianto antincendio in un luogo ritenuto sensibile, ovvero che può essere vittima di un tale evento, affinché questo segnali efficacemente l'allarme con i giusti mezzi e sia soprattutto in grado di avvisare tempestivamente le autorità preposte, è certamente una buona norma da rispettare.

Ma oltre all'efficacia del segnale acustico d'allarme, molto spesso la differenza è data dalla scelta di quali tipologia di segnalazioni usare, sia ottiche che acustiche, in quanto a seconda del luogo potrebbe essere necessario accertarsi di quale sia la soluzione più adatta in caso di reale pericolo.

Dotare un impianto di rilevazione incendi di strumenti in grado di contrastare le fiamme o spegnerle del tutto può fare la differenza nell'attesa dell'arrivo dei vigili del fuoco, permettendo di ridurre i possibili danni.

La capacità di funzionamento anche nelle situazioni più critiche degli impianti antincendio e di rilevazione sono date dai loro collegamenti elettrici particolari che collegano in sicurezza la centralina e le varie parti dell'impianto, grazie a rivestimenti speciali che hanno una maggiore resistenza al fuoco e al calore, rispetto i cavi tradizionali.

I vantaggi nell'utilizzare un impianto del genere, oltre al chiaro avviso che apporta alle persone a rischio, è certamente quello di raggiungere le autorità preposte e il personale competente per la risoluzione del problema, intervenendo inoltre con rapidità ed efficacia, impedendo il propagarsi delle fiamme.

 

News - 23 marzo 2015

Illuminazione d'emergenza e di sicurezza

Illuminazione di emergenza a Milano: 339.3817537In caso si presenti un black-out improvviso, l’illuminazione di emergenza deve dare la possibilità di evacuare in maniera sicura luoghi di lavoro o edifici pubblici, oltre a consentire di continuare le attività fondamentali attraverso idonei gruppi di continuità per apparecchiature che necessitano di alimentazione continua, come gli apparecchi medici.

Le regole per stabilire i requisiti minimi che una buona illuminazione deve assicurare in caso di emergenza sono regolate dalle norme europee UNI EN 1838, che stabiliscono ad esempio quale luminosità deve garantire una luce d'emergenza e come questa debba segnalare in modo chiaro gli spostamenti verso i luoghi sicuri.

I modelli che troviamo sul mercato variano molto, permettendo di scegliere per i modelli più adatti alla propria situazione e per diverse tipologie di spesa, senza rinunciare mai alla qualità e alla garanzia che le aziende specializzate nel settore hanno da offrire.

Molto spesso siamo abituati a vedere negli edifici pubblici delle classiche lampade di emergenza incassate, diposte a volte in modo arbitrario senza garantire le giuste prestazioni, e quando diventa necessario rinnovare l'illuminazione d'emergenza, affidarsi ai nuovi sistemi rende tutto l'intervento meno difficoltoso e lungo, compresi i futuri interventi di manutenzione, con un conseguente risparmio economico sia per l'intervento che per la gestione di questo.

 

News - 16 marzo 2015

Campanello wireless per la tua abitazione

Campanello wireless a Milano: 339.3817537In alcune abitazioni non sempre è possibile installare correttamente un campanello a filo tradizionale, che richiede un'allocazione per far scorrere agevolmente il suo filo lungo le pareti, e per riuscire a sistemare un cavo in queste situazioni spesso si ricorre a fili sospesi e collegamenti improvvisati come soluzione e stratagemma, ma oggi non sarà più necessario grazie alla tecnologia wireless.

Questi campanelli innovativi evitano quindi la necessità di opere invasive e lunghe, non necessitando di alcuna opera muraria, e inoltre grazie alle loro dimensioni sempre minori e funzionalità sempre maggiori, è sempre più facile trovare il modello più adatto alle proprie esigenze, sia come estetica che come portata di funzionamento.

Oltre particolari come il design e l'applicazione in orizzontale o verticale, quando si sceglie un campanello wireless è bene tenere a mente caratteristiche importanti come la portata del proprio apparecchio in campo chiuso o aperto, e l'alimentazione di questo, in quanto si possono ritrovare sul mercato soluzioni che comprendono un'alimentazione fissa o a batteria, a seconda del modello.

I campanelli wireless più moderni, inoltre, non necessitano più di alcuna regolazione manuale, evitando quindi ogni possibile interferenza con apparecchi simili limitrofi, ed in più i modelli più avanzati offrono la possibilità di collegarli via USB al proprio pc di casa per personalizzare non solo il volume della suonera, ma caricarla fra le proprie canzoni preferite.

Decidere di installare un campanello wireless comporterà un intervento veloce e rapido, che non andrà a formare grovigli di fili antiestetici e poco sicuri, e con una portata che arriva anche a 300metri per poter avere un campanello efficiente e funzionante, senza fili.

 

News - 9 marzo 2015

Attestato di Prestazione Energetica Lombardia

Efficienza energetica a Milano: attestato di Prestazione Energetica Lombardia (APE)La Regione Lombardia ha stabilito norme valide su tutto il territorio regionale che prevedono l'obbligo ai proprietari di casa di dotarsi di un attestato di prestazione energetica ogni volta che si costruisce un nuovo edificio, o si ristruttura uno vecchio.

Questo documento, abbreviato in APE, serve principalmente a raccogliere le corrette informazioni su quali prestazioni energetiche fornisce l'immobile nello stato attuale, a seconda che sia inverno o estate, segnandolo attraverso apposite tabelle, indicando inoltre quali interventi ulteriori siano possibili per poterne migliorare le prestazioni attuali.

Queste informazioni, come la necessità di sostituire gli infissi, o isolare al meglio le pareti rivolte verso l'esterno, sono correlate di tutte le informazioni circa il risparmio energetico che si otterrebbe mettendo queste tipologie di interventi in atto.

Il documento è da considerarsi valido fino alla data indicata su questo, a meno che nel frattempo non si intervenga con nuovi lavori che modifichino le prestazioni energetiche dell'immobile o che magari ne modifichi la destinazione d'uso, rendendo di fatti scaduto l'APE.

 

News - 2 marzo 2015

Pannelli fotovoltaici e il loro posizionamento

Posizionamento pannelli fotovoltaici a MilanoSiamo soliti vedere installati i pannelli fotovoltaici sulle coperture dei fabbricati, sui tetti delle case, oppure montati a terra con delle pensiline, orientati in maniera tale da ottimizzare al meglio il rendimento di questi, infatti a seconda di come i raggi solari colpiscono le celle dei pannelli il rendimento di questi può differire.

L'orientamento ottimale è solo uno dei tanti punti di vista necessari per un corretto posizionamento, infatti influiscono anche fattoni come i coni d'ombra che possono venire a formarsi per la presenza di fabbricati o alberi vicini che possono influenzare la produzione di energia del proprio impianto fotovoltaico.

Quando si posizionano dei pannelli fotovoltaici è possibile però generare un problema fastidioso conosciuto come abbagliamento solare, fenomeno creato proprio dall'orientamento e dall'inclinazione che provocano a volte una riflessione della luce che può creare fastidi e pericoli per la salute.

Questa forma di inquinamento luminoso deve essere eliminato e quantomeno ridotto, in maniera tale da non arrecare fastidi e danni a coloro che vivono in prossimità dell'impianto da cui si genera il fenomeno.

In più, questo fenomeno si verifica con più frequenza quanto più è grande la superficie del pannello, ed è un'eventualità rara che un singolo impianto generi fenomeno altamente fastidiosi, ma, per risolvere il problema, sarà necessario modificare l'inclinazione e l'orientamento del pannello, con una riduzione di produzione di energia, seppure minima.

 

News - 23 febbraio 2015

Riscaldamento elettrico a pavimento

Riscaldamento elettrico a pavimento a MilanoQuando troppi vincoli di spazio impediscono la corretta sistemazione in casa di termosifoni, stufe a legna o elettriche che siano, è possibile risolvere la problematica della disposizione di questi apparecchi per il riscaldamento grazie all'installazione di sistemi di riscaldamento a pavimento o a parete, invisibili all'occhio e non ingombranti, garantendo allo stesso tempo efficacia e comfort abitativo.

I sistemi di riscaldamento a pavimento si basano nella maggior parte dei casi sull'uso dei pannelli radianti, che prevedono la presenza di una serie di tubazioni sotto il pavimento all'interno delle quali far scorrere acqua calda, che trasmesso il suo calore al pavimento, questo viene successivamente irradiato al resto dell'ambiente.

Ma questa non è l'unica tipologia di riscaldamento a pavimento o a parete, ci sono infatti altri dispositivi di riscaldamento elettrico ad irraggiamento, il cui impianto non prevede alcuna tubazione con acqua bensì una serie di elementi conduttori che funzionano grazie all'elettricità, e grazie inoltre ai sistemi installati a pavimento, l'irraggiamento dell'ambiente avviene in maniera omogenea, garantendo maggiore sensazione di benessere.

Il riscaldamento a pavimento è utile si in ambienti privati che pubblici, e la possibilità di collegarli ad impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili implementa inoltre la possibilità di abbattere drasticamente i consumi per elettricità e riscaldamento.

 

News - 16 febbraio 2015

Antifurto wireless per la sicurezza della casa

Antifurto wireless a MilanoQuando si deve scegliere una soluzione per rendere la propria abitazione un luogo sicuro, certamente l'antifurto è per molti la giusta risposta che possa dissuadere efficacemente malviventi e malintenzionati, per evitare ad esempio spiacevoli intrusioni da parte di ladri e affini che possano creare un danno molto più oneroso rispetto all'intervento necessario ad installare un sistema antifurto.

Progettando l'installazione di un sistema di allarme, è importante capire quali sono le zone che necessitano maggiore protezione, magari rendendo maggioremente sicure finestre, balconi e altri punti d'accesso alla casa o zone più sensibili.

Quando la propria abitazione non è predisposta all'installazione di un antifurto classico, magari per colpa dell'assenza di canalette murarie che permettano di far passare i fili necessari, è possibile risolvere questa assenza di protezione grazie ad un allarme wireless, che tramite i suoi dispositivi senza filtro può facilmente adattarsi a tutti i tipi di abitazione, permettendoci di supervisionare il funzionamento di tutte le sue parti anche dal proprio smartphone.

Anche in base alla spesa che si intende sostenere, è possibile optare per soluzioni che coprano solo una parte della casa, quelle maggiormente a rischio, per non dover effettuare una spesa superiore a quella necessaria a rendere l'impianto efficace per i propri bisogni, e qui è importante servirsi di un esperto che possa indicarci quali siano le zone della casa da proteggere maggiormente.

Grazie ai progressi della tecnologia inoltre, questi sistemi sono ben protetti contro la manomissione della trasmissione e della ricezione del segnale, e ogni sua parte è realizzata con cura affinché si integri appieno nell'ambiente dov'è posto senza rovinare l'estetica e l'arredamento dell'ambiente.

 

News - 9 febbraio 2015

Illuminazione fotovoltaica da esterni

Illuminazione fotovoltaica da esterni a MilanoGrazie ai progressi tecnologici ottenuti negli ultimi tempi, i pannelli fotovoltaici oggigiorno garantiscono delle ottime performance con un prezzo di costo ridotto, e sono inoltre più facilmente inseribili negli edifici e nelle strutture da esterni.

Per quanto riguarda invece l'illuminazione degli ambienti esterni come i giardini, ci sono ancora dei punti chiave che non permettono una massima efficienza delle tecnologie fotovoltaiche in tutte le occasioni, e per questo è necessario ancora prendere alcune accortezze, per poter far rendere questa tecnologia anche in questi luoghi.

A seconda della tipologia di ambiente esterno infatti, potrebbe essere necessario propendere per un determinato modello o per uno specifico prodotto, questo perchè la soluzione scelta deve riuscire a inserirsi nei punti più soleggiati e fuori da possibili coni d'ombra creati da edifici o alberi, tutto questo per permettere a questi apparecchi un'autonomia sufficiente.

Fra le soluzioni più innovative troviamo certamente i faretti da incasso a LED con pannelli fotovoltaici integrati, che sono realizzati appositamente per illuminare ambienti esterni, e permettono la creazione di sentieri luminosi con costi contenuti e i cui costi di installazione non sono per nulla alti, questo perchè ogni faretto è un apparecchio autosufficiente che non necessita di essere collegato a nessun tipo di alimentatore.

Inoltre il loro bisogno di manutenzione è basso, perchè le tecnologie di cui sono composti, come quella dei LED, rendono i malfunzionamenti avvenimenti rari, ed inoltre sono molto flessibili in quanto sono facilmente spostabili in caso di risistemazione.

Quando non è possibile, per un qualsiasi motivo, l'utilizzo dei faretti da incasso, è possibile in alternativa utilizzare quelli che vengono chiamati lampioni fotovoltaici, dotati di illuminazione sempre a LED,con pannelli fotovoltaici integrati per installazioni ad isola, ed in più dotate di batterie al litio per conservare l'energia prodotta, senza perderla.

 

News - 2 febbraio 2015

Modifiche ai bonus fiscali per la riqualificazione energetica

Bonus fiscali riqualificazione energetica MilanoIn base alle modifiche che sono state apportate dalla Legge di Stabilità 2015, gli interventi che puntano a migliorare il risparmio energetico di un'abitazione possono continuare ad usufruire del bonus fiscale con la soglia massima del 65%, anche quando il lavoro è effettuato su parti comuni di edifici condominiali.

Ma la legge non prevede solo l'estensione di un altro anno di questi sgravi e benefici fiscali, infatti sono state aggiornate anche le guide sugli specifici interventi che è possibile attuare per poter rientrare a pieno diritto dei bonus, con l'aggiunta di ulteriori interventi prima non previsti.

Infine, la legge sancisce come a partire dal 1° Gennaio del 2016, la misura del bonus scenderà al 36%, ma, fino ad allora, sarà possibile usufruire delle detrazioni per tutti gli interventi atti a migliorare la resa energetica di un'abitazione.

Fra le nuove tipologie di lavori inseriti, troviamo l'acquisto e la posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con generatore di calore a biomasse combustibili, e anche l'acquisto e l'installazione di schermature solari, con limiti di spesa massima di 30mila e 60mila euro rispettivamente.

Tutto questo, assieme a tutti gli altri vecchi interventi già previsti, permetterà di ottenere degli incentivi per migliorare il rendimento energetico e la riduzione dei consumi e dei costi, grazie all'utilizzo di pannelli solari, impianti più efficienti e un minore spreco e consumo di energia inutile.

 

News - 26 gennaio 2015

Interventi e riparazioni per l'impianto elettrico

Riparazioni elettriche MilanoIl nostro impianto elettrico può necessitare di tanto in tanto di interventi rapidi per riparare i guasti più frequenti, per evitare l'insorgere di problemi più gravi in completa sicurezza e senza spese eccessive.

Questi guasti possono dipendere da diversi fattori, e sicuramente effettuare delle verifiche all'impianto e ai diversi collegamenti elettrici può dare un'idea se sia necessario o meno attuare qualche semplice riparazione per ripristinare una condizione perfetta dell'impianto, che sia ad esempio resistente all'umidità e alle infiltrazioni.

A cominciare dai cavi, che possono rompersi o comunque usurarsi nel tempo, per effettuare una corretta analisi è necessario l'utilizzo di strumenti appositi come un tester, che ci consentono di trovare il punto esatto del possibile problema senza perdere tempo, o ancora controllare le saldature per garantire un contatto sicuro e stabile.

Per poter controllare ulteriori elementi del proprio impianto elettrico inoltre, è necessario usare il cercafase per poter lavorare in sicurezza e con praticitià, indicandoci se un dato elemento è sotto tensione o meno e se è collegato ai cavetti in tensione dell'impianto o ai cavetti di neutro, quelli non in tensione.

Si capisce quindi come, se non si è in possesso delle conoscenze necessarie, sia necessario rivolgersi ad un tecnico esperto che possa verificare la corretta funzionalità di un impianto in caso di guasti frequenti o comunque in caso di malfunzionamenti di questo, per evitare contatti accidentali e pericolosi.

 

News - 19 gennaio 2015

Calo bollette energetiche

Bolletta energetica in caloGià a partire dall'inizio del mese, in base ad una decisione dell'autorità per l'energia, si è verificata una riduzione dei costi di luce e gas, e nel dettaglio questo ribasso interesserà almeno i primi 3 mesi del nuovo anno, con un 3% in meno per l'elettricità e uno 0,3% per il gas.

La riduzione della spesa per l'energia utilizzata dalla nostra abitazione è data principalmente dal crollo del valore di acquisto dell'energia, dovuto dal costo sempre minore dei costi di mantenimento del sistema di distribuzione, e anche in buona parte grazie ad un calo dei consumi grazie ad un utilizzo più attento e previdente da parte della utenza.

Questa diminuzione in bolletta, inoltre, anticipa con qualche mese di tempo la notizia che a partire dal mese di settembre del 2015 sarà completamente rinnovato il sistema di fatturazione del consumo di energia, ovvero verrà cambiata la bolletta che viene recapitata a casa, e interesserà sia i clienti che si appoggiano al servizio di maggiore tutela, sia quelli che sono utenti delle compagnie del libero mercato.

La novità di una tipologia di bolletta innovativa nasce per via del progetto dell'autorità per l'energia che vuole rendere più chiara e semplice da capire la fatturazione al consumatore, che chiede sempre più spesso chiarimenti per le voci di spesa che saranno di maggiore comprensibilità e la possibilitù di poter utilizzare la bolletta per confrontare offerte diverse.

 

News - 12 gennaio 2015

Fotovoltaico trasparente

Fotovoltaico trasparente Milano: 339.3817537Grazie all'utilizzo di tecnologie sempre più all'avanguardia, sono realizzabili con materiali vetrosi o plastici dei pannelli fotovoltaici trasparenti che consentono di far filtrare i raggi solari attraverso le loro celle.

Questi pannelli svolgono il loro compito assorbendo solo i raggi ultravioletti ed infrarossi, ovvero quelli invisibili ad occhio umano, ed è per questo che appaiono trasparenti, riducendo di gran lunga l'impatto architettonico rispetto ai modelli tradizionali.

Questi nuovi pannelli possono essere realizzati con diverse tecniche, chepossono richiedere l'utilizzo di gel di silicio, oppure di basi organiche o di grafene per assicurare risultati estetici e produttivi veramente sopra le aspettative.

Questi pannelli ci consentono di sostituire i classici vetri delle finestre, o i parapetti dei balconi, permettendoci di inserirli con facilità nella struttura dell'edificio, e, se questo, da un lato rappresenta un pregio di questi pannelli, l'altro lato della medaglia è un aspetto negativo in quanto questi pannelli, se sostituiti in questo modo a finestre e balconi, non potranno essere inclinati in modo da sfruttare al meglio l'irraggiamento presente e di conseguenza la produzione di energia risulta ridotta.

 

News - 22 dicembre 2014

Certificazione di conformià dell'impianto e scelta dell'impresa

Certificazione di conformià dell'impianto elettrico Milano: 339.3817537Non tutte le imprese possono rilasciare il certificato di conformità degli impianti, questo perché per legge si prevede che rispetto all'installazione di un impianto e la sua manutenzione debba intervenire sempre un'impresa specificamente abilitata ad operazioni di questo tipo, e questa norma fa riferimento a tutta una serie di impianti che vanno dai classici impianti di produzione e trasformazione dell'energia elettrica, fino a quelli antincendio e perfino gli impianti radiotelevisivi.

Le uniche imprese abilitate all'installazione e alla manutenzione di questi impianti sono quelle iscritte nel registro delle imprese o nell'albo delle imprese artigiane purchè il titolare o il rappresentante sia in possesso dei requisiti professionali stabiliti per legge, che prevedono un titolo di studio adeguato o la giusta formazione professionale, variabile a seconda della tipologia di lavoro disposto.

Una volta terminati gli interventi commissionati, l'impresa è tenuta a rilasciare un certificato di conformità che dichiari come i lavori siano stati eseguiti secondo le norme vigenti e alle regole comunitarie, ma cosa accade se la certificazione di conformità non viene rilasciata o non è più reperibile, in questo caso è possibile sostituirla con una dichiarazione di rispondenza redatta da un tecnico abilitato il quale, dopo un sopralluogo, attesterà la rispondenza degli impianti alle norme vigenti.

Spesso però accade che i committenti abbiano problemi ad ottenere il rilascio del certificato, e, per non ingappare in questa casistica, è sempre bene verificare in prima persona chel'impresa scelta per effettuare i lavori abbia i giusti requisiti, chiedendo quindi una copia del certificato d'iscrizione al registro delle imprese.

In più, le regole stabiliscono che devono inoltre essere considerati nulli i contratti stipulati con imprese che non sono in possesso dei requisiti necessari, restando salvo in ogni caso il diritto al risarcimento in caso di danni, ovvero, se un'impresa realizza un impianto non avendo i requisiti, il contratto è nullo e l'impresa non ha diritto al compenso, ma allo stesso tempo il committente mantiene il diritto ad essere risarcito di danni eventualmente subiti.

 

News - 15 dicembre 2014

Impianti elettrici a livelli

Impianti elettrici a livelli Milano: 339.3817537Questa nuova classificazione, nata a seguito dell'entrata in vigore della nuova variante alla norma CEI 64-8, ci permette di scegliere l'impianto più giusto in base alle proprie esigenze, garantendo sempre il rispetto degli standard di sicurezza e qualità.

Per una comprensione maggiore e dettagliata su quelle che sono le dotazioni di ognuno dei livelli, è stato realizzato anche un manuale per spiegare in caso di aggiornamento o installazione di un impianto elettrico domestico quali sono le diverse specifiche.

Tutto questo non solo per essere sicuri del corretto funzionamento degli impianti della propria abitazione, ma soprattutto per aumentare il comfort abitativo dell propria casa senza che questo comporti aumenti nella bolletta energetica.

Infatti, secondo recenti dati, il costo dell'impianto elettrico in una casa di nuova costruzione è di circa il 2% del totale, ma con un investimento poco superiore al 3% è possibile installare un impianto domotico di base, il cui uso porta un notevole risparmio sia sui consumi elettrici, sia sul sistema di riscaldamento.

 

News - 8 dicembre 2014

Avvolgibili ad energia solare

Tapparelle solari Milano: 339.3817537Grazie all'installazione di un piccolo pannello fotovoltaico, le tapparelle e le persiane diventano completamente autonome al 100%, questo grazie alle innovazioni sempre maggiori nella tecnologia del fotovoltaico che lo rendono sempre più adattabile ad utilizzi ed ambienti diversi.

L'aspetto migliore è quello di poter sfruttare le radiazioni solari per produrre energia pulita e rinnovabile da utilizzare per rendere più semplice e piacevole la vita di tutti i giorni, e poter ora inserire dei piccoli pannelli solari per alimentare elementi semplici utilizzati ogni giorno.

Questa tecnologia è possibile grazie alle piccole celle fotovoltaiche che formano il mini pannello che riesce a produrre energia elettrica così come i lampioni delle luci da giardino ad alimentazione solare, ora applicabili anche alle tapparelle o agli altri sistemi oscuranti, permettendo loro di produrre l'energia necessaria per il loro funzionamento automatico.

I pannelli solari possono essere adattati a qualsiasi tipologia d'infisso, in quanto la loro struttura e i materiali di cui sono composte permettono installazione pratiche e adatte ad ogni tipologia d'ambiente, anche per infissi obliqui per mansarde.

 

News - 1 dicembre 2014

Efficienza energetica, la soluzione vincente

Ecobonus Milano: 339.3817537Grazie alla proroga per tutto il 2015 degli ormai famosi Ecobonus, sono ancora attivi gli sgravi fiscali per chi volesse eseguire interventi di ristrutturazione per la propria casa atti a migliorarne l'efficienza energetica, chi ancora quindi ne volesse approfittare, è possibile mettere in cantiere qualche opera straordinaria per scegliere soluzioni che migliorino la resa energetica della propria abitazione.

A cominciare dalla sostituzione di finestre e infissi, passando per la produzione di acqua calda, fino alla gestione dei consumi elettrici, ogni intervento in questo ambito può permettere un risparmio futuro in bolletta grazie ai minori sprechi e ad una migliore ottimizzazione dell'ambiente domestico.

A seconda della tipologia di edificio e e del budget disponibile, per studiare la migliore soluzione applicabile al proprio caso, è sempre bene affidarsi ad esperti del settore che possano consigliarci al meglio su quelle che sono le necessità primarie a cui la propria abitazione deve far fronte.

Grazie alla possibilità di ammortizzare le spese, e grazie ai risparmi che si conseguiranno con il tempo, anche l'installazione di un impianto fotovoltaico è un investimento che può ripagarsi dopo pochi anni, e abbinandogli magari ad esempio una pompa di calore, anche l'energia in eccesso potrà venire utiliccata per la climatizzazione e la produzione di acqua calda contribuendo ancora maggiormente a ridurre sprechi inutili di energia elettrica.

 

News - 24 novembre 2014

Combattere gli sprechi energetici

Risparmio energetico Milano: 339.3817537Con il passare degli anni, gli italiani stanno cercando sempre più di modificare alcune cattive abitudini sull'utilizzo dell'energia elettrica che provocano spese inutili e che sono facilmente evitabili, in questi periodi di crisi economica.

In primis, la cucina ha il primato di luogo della casa dove avvengono la maggior parte degli sprechi, per colpa di cattivi usi degli elettrodomestici, o dei piani cottura elettrici usati in maniera impropria, e qui come esempio si cita il posizionamento del frigorifero, che se troppo attaccato al muro anzichè a una decina di centimetri da questo consuma molta più corrente per funzionare correttamente.

Passando per la lavastoviglie, il cui comando di asciugatura automatica incide più di quanto si pensi sulla spesa energetica, anzichè sfruttare un'asciugatura naturale tenendo semplicemente aperto lo sportello, arriviamo ora all'ambiente bagno, anche questo luogo di sprechi di energia, dove gli scaldabagni elettrici registrano consumi di molto maggiori rispetto a quelli a gas.

Altre cattive abitudini riguardano poi altri dispositivi e apparecchi come il condizionatore d'aria e il climatizzatore, dove pochissimi gradi di differenza sulle temperature impostate posso causare una spesa di molto maggiore alle aspettative.

Ci sono tanti, piccoli gesti nella quotidianeità di ognuno di noi, che se riuscissimo a cambiare, apprendendo un comportamento più responsabile verso l'energia che utilizziamo, possono farci ottenere un risparmio di spesa della bolletta non indifferente.

 

News - 17 novembre 2014

Illuminazione condominiale

Illuminazione condomini Milano: 339.3817537Quando non ci sono riserve di proprietà o altri casi particolari, l'impianto di illuminazione delle parti comuni è per sua natura da considerare bene comune, e questo implica che le spese di conservazione e manutenzione devono essere sostenute dai condomini, a seconda della situazione presente.

Ad esempio, se l'impianto risulti essere non più conforme alle norme attualmente in vigore, e c'è bisogno di un intervento di messa a norma, la spesa relativa sarà da ritenersi a tutti gli effetti una spesa di conservazione, e quindi necessaria per mantenere attiva ed efficiente una parte comune mantenendone lo stato e il valore, e sarà ripartita tra tutti i condomini sulla base dei millesimi di proprietà.

Se invece, ci dovessero essere impianti differenziati per l'illuminazione dell'edificio e dei box auto, ed un condomino lo è solamente in quanto proprietario del garage, allora in questo caso egli non dovrà partecipare alla spesa per i lavori di messa in norma.

Quando il condominio decide di rinnovare l'impianto di illuminazione rendendolo più moderno grazie all'utilizzo di luminarie a led, questo inciderà in maniera favorevole sulle spese energetiche del condominio, anche se questo lavoro non potrà essere considerato un'operazione innovativa della cosa comune, e in più la scelta dovrà essere deliberata dall'assemblea con maggioranze semplici.

 

News - 10 novembre 2014

Collaudo dell'impianto fotovoltaico

Collaudo impianto fotovoltaico Milano: 339.3817537Una volta completati i lavori di installazione e montaggio di un impianto fotovoltaico, prima di effettuare l'allacciamento alla rete elettrica, questo deve essere collaudato e testato da tecnici qualificati e abilitati al compito, per assicurare e garantire che ogni modulo di cui è composto sia conforme alle norme di sicurezza e che la sua funzionalità sia ottimale.

Procedere con tutte queste verifiche non è necessario soltanto per garantire il corretto funzionamento e la sicurezza dell'impianto, ma in più ottenere il certificato di collaudo permette di poter accedere agli incentivi del conto energia, per ulteriori vantaggi.

Principalmente il controllo verte sulla verifica dei cavi di collegamento, per accertare l'assenza di circuiti aperti o problemi di connettività, in grado di causare anche danni gravi, ed inoltre sarà necessario accertare la presenza del giusto voltaggio in ogni modulo per eliminare il rischio di cortocircuito o di malfunzionamenti dell'impianto.

Dopo avere accertato con perizia che siano rispettati tutti i valori previsti dalle norme in vigore, utilizzando anche dove necessario la strumentazione adatta a misurare i valori richiesti, si può passare alle prove funzionale sul sistema, al cui termine la ditta che si è incaricata di effettuare i lavori dovrà rilasciare la dichiarazione che attesta l'esito positivo delle verifiche e la data in cui sono state effettuate.

 

News - 3 novembre 2014

Le norme per la sicurezza elettrica nel bagno

Le norme per la sicurezza elettrica nel bagnoQuando si deve assicurare la giusta protezione in un ambiente come il bagno, la progettazione dell'impianto elettrico dell'ambiente deve seguire necessariamente le norme CEI 64-8, arrivate ormai alla loro terza variante, per garantire agli utilizzatori un livello di sicurezza ulteriore contro possibili guasti delle apparecchiature e degli elettrodomestici e contro possibili disattenzioni da parte degli utenti.

Per garantire queste caratteristiche in un ambiente dove vengono a stretto contatto elementi come acqua e elettricità, le norme ci aiutano a capire in base alle dimensioni del locale e dell'impianto elettrico della propria abitazione, quante prese o punti luce sarà possibile installarvi e soprattutto quale potrà essere la loro posizione.

Suddividendo il bagno in 4 sezioni, dove la zona 0 indica la più pericolosa, in quanto posta intorno ai perimetri della vasca da bagno e del box doccia, si identifica una serie di locazioni dove è possibile o meno inserire un punto luce o una presa.

Partendo quindi dalla zona zero, dove non è possibile installare prese e punti luce, salendo di zona sono sempre meno le restrizioni adottate per garantire il rispetto delle norme, e, proprio per la tutela degli utilizzatori, non poche volte si vede in un bagno di piccole dimensioni l'interruttore elettrico posto al di fuori di questo, per motivi di sicurezza.

L'ambiente del bagno è un luogo particolarmente sensibile per quanto riguarda la possibilità di incidenti domestici, e quindi una corretta progettazione può assicurare il giusto livello di protezione contro questi, senza mai trascurare l'attenzione che l'utente deve porre durante l'uso di questi locali.

 

News - 27 ottobre 2014

Trasformare il vecchio allarme con la tecnologia wireless

Allarme casa con tecnologia wirelessQuando c'è il bisogno di assicurare un livello di sicurezza in più che il vecchio impianto d'allarme non garantisce, non è necessario sostituire tutto l'impianto, ma possono esserci soluzioni meno drastiche, anche solo per renderlo più aggiornato ed efficiente con le tecnologie più recenti.

Aggiornare un vecchio impianto d'allarme è un'operazione molto utile, anche solo per dover evitare le ore di mano d'opera richiesta e le relative opere murarie per dover effettuare la traccia dei cavi necessari non solo per l'alimentazione degli apparecchi, ma anche per le trasmissioni dei dati, con il conseguente aumento dei costi.

Non dover ricorrere ad interventi invasivi per poter predisporre dei mezzi d'allarme necessari per proteggere la propria abitazione, e utilizzare un sistema d'allarme che non supporta la tecnologia wireless, oggigiorno è possibile.

È disponibile infatti una vasta gamma di ricevitori via radio che permettono il controllo degli stati di segnalazione dei dispositivi collegati alla centralina, e per tutte le sue parti, senza doversi preoccupare dai limiti e dai vincoli dettati dalla posa dei cavi, che non sarà più necessaria.

Questi ricevitori, in più, permettono di aggiungere al proprio impianto ogni tipo di accessorio si reputi necessario installare per rendere più sicura la propria abitazione, perchè questi dispositivi possono interagire con ogni tipologia di centralina in circolazione, permettendoci di aggiungere e integrare ogni apparecchiatura per rendere il proprio impianto più performante ed efficiente.

 

News - 20 ottobre 2014

Fotovoltaico in condominio

Condominio fotovoltaico Milano: 339.3817537Per quanto riguarda la legge, il codice civile asserisce, all'articolo 1122-bis, che: è consentita l'installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili destinati al servizio di singole unità del condominio sul lastrico solare, su ogni altra idonea superficie comune e sulle parti di proprietà individuale dell'interessato.

Questa norma introdotta nella riforma del condominio non è la sola che chiarisce e disciplina l'uso ai fini individuali delle parti comuni, come ad esempio anche l'articolo 1102, che cita: ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purchè non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto. A tal fine può apportare a propre spese le modificazioni necessarie per il migliore godimento della cosa.

Le procedure previste dagli articoli che si occupano dalla materia, si dividono in due possibili varianti: la prima è quella senza l'intervento dell'assemblea, rispetto la quale l'articolo 1122-bis si limita a dire quanto già riportato, e infine, è possibile seguire un'altra procedura, ovvero quella con deliberazione assembleare, facoltativa in quanto da attivare se è necessario modificare le parti comuni (articolo 1122-bis, terzo comma).

Questo intervento dell'assemblea non è di carattere autorizzatorio, ma si rivela necessario per quanto concerne la gestione d'uso dei beni comuni, in quanto si specifica nelle norme che qualora si rendano necessarie modificazioni delle parti comuni, l'interessato deve darne comunicazione all'amministratore indicando il contenuto specifico e le modalità d'esecuzione degli interventi.

Infine, se sarà necessario modificare una parte del tetto per meglio eseguire i lavori, e si avrà quindi l'obbligo di comunicare all'amministratore di convocare l'assemblea, tutte le decisioni in materia dovranno essere deliberate con il voto favorevole della maggioranza dei partecipanti all'assemblea e dei 2/3 del valore millesimale dell'edificio.

 

News - 13 ottobre 2014

Isolamento di giunzioni elettriche e cassette di derivazione

Giunzioni elettriche Milano: 339.3817537Alcuni punti di un impianto elettrico sono molto sensibili rispetto altre parti di questo, ed in questa categoria di zone più delicate ritroviamo le diverse aree in cui sono state poste le giunzioni di fili e cavi, in agglomerati come le muffole o in cassette di derivazioni, e anche in quei punti in cui si è voluto modificare il proprio impianto in maniera non consona.

Queste zone risultano maggiormente pericolose per gli utenti quando non vengono realizzate correttamente, in quanto non solo possono compromettere il funzionamento dell'impianto facendo si che si verifichino interruzioni del servizio, ma anche in quanto questi punti sono molto suscettibili agli agenti atmosferici e alla polvere, e spesso queste zone sono poste in luoghi soggetti ad entrambe le cose.

Proprio per i motivi legati alla sicurezza degli utenti, è bene ricordare che sia le giunzioni che le cassette devono avere un livello di isolamento dettato dalle norme in vigore così come tutti gli altri componenti dell'impianto, a seconda della loro funzione svolta, e la protezione deve essere in caso assicurata sia per i contatti contro i corpi solidi, sia per la penetrazione dei liquidi.

Quando ci si ritrova con elementi simili, magari posti all'esterno dell'abitazione, è possibile ricorrere a speciali prodotti come delle resine che una volta indurite assicurano una protezione sicura, resine che però negli ultimi tempi viene sempre più sostituita da prodotti in gel, in cui annegare giunzioni e cavi, per ripristinare un alto grado di isolamento in minor tempo.

Entrambi i prodotti conferiscono in questo modo delle utili caratteristiche ignifughe ed eutoestinguenti all'area interessata, assicurando in questo modo non solo il giusto isolamento, ma una barriera protettiva in più contro danni più ingenti.

 

News - 6 ottobre 2014

Ricavare un punto luce

Punto luce casa Milano: 339.3817537I punti luce distribuiti per casa devono assicurare la giusta illuminazione ai diversi ambienti secondo le specifiche tecniche dettate dalla normativa cei 64-8, che specifica i criteri di distribuzione delle prese, e anche dei punti luce della propria abitazione.

Tenere conto della destinazione dei diversi ambienti permette una migliore distribuzione delle fonti di illuminazione, e quindi di preoccuparsi se collocare ulteriori fonti di luce nei punti giusti, se necessario.

Quando diventa necessario realizzare un nuovo punto luce fisso, si dove tenere conto di come l'intervento possa influire sul funzionamento dell'impianto elettrico, e su come questo debba essere opportunamente modificato affinché garantisca la giusta sicurezza; in più si dovrà diramare una linea dedicata per la sua collocazione.

La complessità del lavoro dipende in gran parte da come la distribuzione degli spazi influisce sui lavori di posa per il nuovo punto luce sottotraccia, per raggiungere il resto dell'impianto in maniera semplice e poco invasiva, indipendentemente dal fatto che si voglia ricavare una sorgente luminosa a fascio bidirezionale, una lampada a incasso, o una plafoniera.

Intervenire sui punti luce esistenti invece, oltre a permettere lavori di ripristino, permette anche delle migliorie apportabili, come ad esempio l'aggiunta di deviatori collegati fra loro che permettano di comandare la stessa luce da più postazioni.

 

News - 29 settembre 2014

Un'alternativa alle centraline domotiche

Smartphone controllo impianti ed elettrodomestici casa Milano: 339.3817537Nelle abitazioni più moderne, e in quelle ristrutturate secondo i canoni dell'efficienza energetica, la domotica è l'elemento di miglior pregio a cui si può puntare, permettendoci di collegare un gran numero di utenze e accessori come videocitofonia, telecomunicazioni, impianto luce e i dispositivi per la sicurezza dell'abitazione in sistemi controllabili attraverso tablet o cellulari anche da remoto.

Secondo gli schemi tradizionali la realizzazione di un impianto domotico prevede però una serie di ostacoli creati dalla necessità di collegare la centralina touch con tutto il resto dell'abitazione tramite cavi bus e attuatori che vengano collegati ai diversi sistemi.

Oggi però è possibile utilizzare al posto delle diverse centraline sparse per casa un singolo server, sviluppato per essere compatibile e integrabile con qualsiasi dispositivo presente sul mercato nell'ambito della domotica e dell'informatica, e in più potrà essere programmato per svolgere il lavoro di due o più centraline dedicate.

In questo modo sarà possibile far passare semplicemente i cavi attraverso le tracce già esistenti e individuare un luogo per posizionare il server, evitando gran parte degli interventi murari e convertendo le attuali pulsantiere alle necessità domotiche, e dove non sarà possibile far passare il cavo, tramite l'utilizzo dei comandi wi-fi.

In questo modo le vere centraline di comando diventeranno i propri smartphone e tablet, e anche il proprio pc portatile attraverso il quale poter avere un controllo completo sulla gestione dell'abitazione per aumentare il comfort abitativo in maniera soprendente.

 

News - 22 settembre 2014

Protezione dei quadri elettrici civili

Quadro elettrico Milano: 339.3817537Il quadro elettrico è il punto di controllo principale del nostro impianto elettrico di casa, dove sono collocati i diversi dispositivi di protezione e monitoraggio, accertarsi quindi del suo perfetto funzionamento, intervenendo con semplici interventi di ripristino e manutenzione, è necessario per aumentare la sicurezza della propria abitazione.

Per proteggere l'impianto elettrico non basta più un solo interruttore magnetotermico-differenziale, poichè in caso di guasto sarebbe difficile individuare con facilità e precisione il punto in cui questo si verifica; preoccuparsi di installare più dispositivi permette una facile individuazione dei carichi eccessivi o dei corto circuito.

Tutto ciò è necessario in quanto, in caso di possibili guasti, sarà facilmente individuabile il punto da cui si verifica il problema alzando solo uno alla volta uno degli interruttori del quadro, per capire se il problema derivi da un elettrodomestico, da un punto luce o da un altro apparecchio collegato alla rete elettrica.

Generalmente, per un medio appartamento è possibile risolvere la questione installando tre diversi interruttori: l'interruttore generale e due interruttori magnetotermici, il primo per le classiche operazioni di salvavita con pulsante di test annesso per le verifiche di manutenzione, uno dei due magnetotermici collegato ai circuiti che alimentano le prese, e l'altro ai punti luce.

Ogni caratteristica necessaria affinché un quadro elettrico abbia la giusta protezione è presente nell'aggiornamento della normativa CEI 64-8, alla sua terza variante, che consiglia su quali specifiche di sicurezza deve attestarsi un impianto per garantire sicurezza e quali caratteristiche deve avere per essere funzionale al tipo di appartamento nel quale viene posto.

 

News - 15 settembre 2014

Pannelli solari termici e termodinamici

Pannelli solari termodinamici Milano: 339.3817537Sappiamo già bene come l'energia ricavata dai pannelli solari termici sia utile per la produzione di acqua calda in casa, aiutandoci a ridurre la spesa energetica della propria abitazione, aiutando inoltre l'ambiente inquinando di meno per l'esigenze di acqua calda sanitaria.

Uno dei suoi limiti maggiori però, era l'indispensabile esposizione diretta ai raggi solari, che rendeva questa tecnologia realmente efficace in determinati periodi dell'anno, a seconda della latitudine di riferimento, con un limite dell'efficienza energetica nel resto dell'anno.

Ora però questo problema è stato risolto grazie ad un progresso tecnologico mosso in direzione della termodinamica, che ha reso possibile lo sfruttamento di altre forme di energie rinnovabili oltre l'irraggiamento solare diretto, e, basandosi ugualmente sull'utilizzo di pannelli, questi lavorano grazie ad un fluido frigogeno dello stesso tipo usato nei climatizzatori.

Questi pannelli termodinamici sono in grado di assorbire il calore della radiazione solare o dell'aria dell'ambiente, permettendo al fluido frigogeno di passare dallo stato liquido a quello gassoso, in modo tale da poter essere ceduto allo scambiatore tramite un compressore a temperature più elevate per utilizzare l'alta temperatura del gas per l'impianto di riscaldamento, per l'acqua sanitaria o ogni nostra necessità.

Data la loro natura, a differenza dei pannelli solari termici, quelli termodinamici non soffrono il problema del congelamento del fluido termovettore in inverno, e ancora non raggiungono mai lo stato di surriscaldamento eccessivo in estate, questo perchè sono in grado di sfruttare oltre l'irraggiamento solare anche la pioggia, il vento e anche la semplice temperatura esterna fino ad una decina di gradi sotto lo zero.

Data la maggiore complessità di funzionamento del sistema termodinamico, il costo di questi pannelli risulta ancora superiore ai semplici pannelli termici, ed essendo inoltre un impianto che usa fluidi frigogeni, la sua installazione deve avvenire tramite un tecnico abilitato secondo il regolamento comunitario europeo 303/08, per assicurare un corretto funzionamento di tutte le sue parti.

 

News - 8 settembre 2014

Controllo dei consumi domestici

Contatore elettrico Milano: 339.3817537La presenza della tecnologia nella vita di tutti i giorni va sempre più aumentando, in casa soprattutto, dove apparecchi elettrici e elettrodomestici sono sempre più spesso regolati da programmi informatici in grado di gestire in maniera completamente autonoma i consumi.

Infatti, se prima la regolazione avveniva sempre grazie all'interazione fisica fra l'utente e la macchina, oggi è possibile, grazie ai progressi della tecnologia, attivare, disattivare e regolare diverse funzioni, anche le più disparate, come ad esempio regolare orario di apertura e chiusura di una specifica tapparella.

Tutto questo è attuabile grazie all'avvento della domotica, che ricerca la semplificazione delle attività quotidiane grazie al ricorso della tecnologia, principalmente attraverso la comunicazione wireless, che permette un accesso costante alle apparecchiature da parte dell'utente grazie a cellulari, tablet o computer, permettendo di interagire a distanza e controllando tutto ciò che avviene all'interno della propria abitazione, ovunque ci si trovi.

Ma ora, grazie ad ulteriori evoluzioni di questi sistemi, è possibile monitorare i consumi degli impianti, per poter intervenire ed eventualmente limitarli, consentendo in questo modo un notevole risparmio sulla bolletta energetica.

Grazie a queste innovazioni è possibile gestire ad esempio la climatizzazione, gestendo la temperatura dei vari ambienti della casa tramite una centralina di gestione, che permette anche di evitare black out in caso di sovraccarico, agendo automaticamente quando viene rilevato il problema.

 

News - 1 settembre 2014

Elettricità in casa e disabili

Pedana elevatrice per disabili a Milano: 339.3817537La casa è il luogo per antonomasia dove poterci sentire protetti e al sicuro, ma soprattutto è il luogo dove il comfort abitativo deve essere espresso in base ai propri gusti, e soprattutto in base alle proprie esigenze, senza la presenza di barriere che possano ridurre la funzionalità e le attività casalinghe di uno dei suoi abitanti.

Soprattutto quando a casa sono presenti persone con ridotta capacità motoria o diversamente abili, un'appartamento funzionale deve sapere integrare quelle che sono le attuali norme in vigore per quel che riguarda le caratteristiche del proprio impianto elettrico, con una maggiore sensibilità verso le necessità e al comfort abitativo dei suoi occupanti.

La possibilità di installare in casa scivoli e pedane elevatrici contribuisce sicuramente a migliorare l'autonomia di questi soggetti, ma non solo, altri piccoli accorgimenti possono aiutare di molto ad incrementare la loro autonomia, rendendo la casa un ambiente più a misura di tutti.

Per questi interventi di edilizia, le normative CEI 64-50 ci vengono in aiuto stabilendo che interruttori, comandi e prese dovranno essere posizionati in maniera tale da non rappresentare un impedimento a persone con difficoltà motorie, e che questi dovranno essere posizionati in modo tale da essere utilizzabili anche in condizioni di scarsa visibilità.

Gli interventi però non finiscono qui, perchè anche diversi dispositivi, come gli apparecchi citofonici, devono essere montati in postazioni che permettano il loro utilizzo anche a persone con scarsa mobilità, così come i quadri generali dell'impianto elettrico o le valvole d'arresto e i regolatori degli impianti di riscaldamento.

 

News - 25 agosto 2014

Una parabola installata correttamente

Antenne tv e parabole Milano: 339.3817537Per installare un'antenna parabolica affinché funzioni correttamente, è necessario padroneggiare una serie di conoscenze tecnologiche che permettano il corretto orientamento e la giusta inclinazione che questa deve avere per ricevere al meglio il segnale dei diversi canali.

Queste due caratteristiche della parabola sono scelte in base alle coordinate geografiche della propria abitazione, ma in linea generale il puntamento in Italia è indirizzato verso sud con orientamento di circa 40 gradi, che cambia in funzione della latitudine di riferimento e anche in base al satellite che si intende puntare.

Le conoscenze tecniche necessarie continuano poi con le altre operazioni che servono ad esempio ad assicurare la parabola al suo alloggio, alla posa dei cavi da collegare al decoder, e ancora l'ancoraggio del palo nella posizione migliore, operazioni queste che non richiedono però attrezzature specifiche o particolari.

Una volta accertato il corretto posizionamento della parabola e del suo cavo coassiale, si deve necessariamente provvedere affinché questo venga protetto da possibili schiacciamenti e danneggiamenti di altro genere, compresa l'esposizione alle intemperie e agli agenti atmosferici.

Una volta completato il processo di installazione, si potrà verificare sulla propria televisione la qualità e la quantità di segnale in ricezione, per assicurare che la parabola non abbia bisogno di essere orientata con maggiore precisione.

 

News - 4 agosto 2014

Sistemi di riarmo automatico del proprio impianto elettrico

Sistema riarmo automatico Milano: 339.3817537La normativa in vigore per stabilire le caratteristiche di sicurezza e di prestazioni del proprio impianto elettrico, ovvero la norma CEI 64-8, ormai alla sua terza variante, classifica anche tutte le tipologie di circuiti presenti in casa, per ognuno dei quali sono previste alcune protezioni specifiche.

Per proteggere le linee elettriche del proprio impianto da elettrodomestici malfunzionanti e interruzioni della corrente, sono previste delle precauzioni tramite l'uso di dispositivi automatici comunemente noti come salvavita, che intervengono quando sussiste il pericolo che una persona possa subire danni, a volte anche gravi, a seguito di una scossa elettrica.

Le regole sulle protezioni stabilite dalla variante v3 stabiliscono quali soluzioni è possibile adottare per superare disagi e disservizi nelle abitazioni, qualora l'impianto presentasse problemi di scatto dell'interruttore con conseguente distacco della corrente.
Tra le diverse opzioni fra cui è possibile scegliere, esistono dei modelli di differenziali salvavita dotati di una particolare tecnologia, chiamata "sistema di riarmo automatico", in grado di ripristinare l'alimentazione elettrica senza l'intervento manuale di una persona presente in casa.

Questo fa si che il dispositivo assuma una notevole utilità in quei casi nei quali non è sempre possibile effettuare un riarmo manuale dell'interruttore, a causa dell'assenza di persone in casa, magari durante le vacanze estive o invernali, creando possibili disagi e problemi a quelle apparecchiature ed elettrodomestici che necessitano di alimentazione continua, come ad esempio frigoriferi e congelatori.

Inoltre, questi dispositivi a riarmo automatico, permettono di limitare i disagi in molte situazioni, come ad esempio quando porte e cancelli automatizzati rimangono senza corrente o quando falsi allarmi o malfunzionamenti di impianti antifurto creano disturbi e disagi.

Infine, grazie alla possibilità di rilevare la presenza di guasti per possibili corto circuiti o cattivi isolamenti, i differenziali a riarmo forniscono nuovamente alimentazione elettrica solo quando non rileva più in atto la causa che ha prodotto l'intervento del dispositivo di protezione.

 

News - 28 luglio 2014

Scegliere l'antifurto giusto per la propria abitazione

Antifurto casa Milano: 339.3817537Per sapere bene quale tipologia di antifurto è la più adatta alle proprie necessità, bisogna come prima cosa prendere in analisi i diversi modelli presenti oggi sul mercato, per valutare quale di questi può assicurare la giusta sicurezza, soprattutto in questo periodo di ferie, dove si tende a lasciare la casa incustodita anche solo per pochi giorni.

Non tutti gli impianti antifurto sono uguali, e capire quale fra i diversi modelli disponibili fa al caso nostro richiede attenzione, e soprattutto necessita la consapevolezza di quali siano i punti chiave da proteggere della propria abitazione.

Queste procedure iniziali ovviamente impiegheranno del tempo, rispetto magari alla volontà di installare velocemente il proprio impianto in tempo per la bella stagione, ma l'impianto così scelto ripagherà certamente in termini di prestazioni e di garanzia di sicurezza più di una frettolosa installazione per una soluzione poco efficace.

Le informazioni necessarie per una scelta oculata del proprio impianto sono ad esempio le dimensioni dell'abitazione o del luogo da proteggere, il numero di stanze che compongono l'ambiente, l'eventuale presenza di animali e gli orari o i periodi di assenza dei proprietari in cui l'ambiente risulta disabitato.

Apprendere le diverse nozioni sulle diverse tipologie impiantistiche, così come per le diverse componenti di cui sono composti, permette di avere la migliore panoramica su dispositivi come i sensori e le centraline, per scegliere l'apparecchio che meglio si integra nell'ambiente da proteggere per caratteristiche e funzionalità.

Inoltre, affidandosi ad un esperto, potremo conoscere al meglio tutte le caratteristiche dei modelli senza fili, con comunicazione gsm e deggli altri accessori disponibili, ma soprattutto ci permetterà di venire a conoscenza di tutte le leggi e le normative in materia, in campo nazionale e comunitario.

 

News - 21 luglio 2014

Scegliere fra energia solare termica o fotovoltaica

Impianto solare termico Milano: 339.3817537La tecnologia che ci permette di convertire l'energia liberata dal Sole in energia elettrica ha dimostrato negli ultimi tempi un continuo progresso, rendendola sempre più efficiente e cercando di diminuirne i costi.

L'energia solare può essere sfruttata tramite due diverse tipologie di impianti, l'impianto solare termico e l'impanto fotovoltaico, ognuno dei quali compie in maniera differente lo stesso compito, ovvero convertire l'energia del sole in modo tale da utilizzarla.

Il funzionamento dell'impianto solare termico è dato dal suo insieme di collettori, che ci permettono di utilizzare l'energia solare convertendola in energia termica, adatta per la produzione di acqua calda per gli usi domestici coprendo una larga parte del fabbisogno familiare, acqua che può poi essere accumulata in appositi serbatoi per usi futuri.

Questo genere di impianti ci permette di avere un notevole risparmio energetico e in più una lunga affidabilità nel tempo di circa 20-30 anni.

L'energia solare fotovoltaica, invece, funziona convertendo direttamente l'energia solare in energia elettrica, tramite speciali celle dette appunto fotovoltaiche, che, per effetto del calore del sole, generano una tensione continua che fornisce energia.

L'utilizzo di un simile impianto si basa su due categorie differenti, il primo è l'impianto a isola, che immagazzina l'energia prodotta in speciali batterie che danno poi energia alla casa, e poi l'impianto in rete, dove un inverter commuta la corrente continua in corrente alternata per alimentare la casa.

Distinguere le differenze d'uso e le differenti caratteristiche che compongono i diversi impianti può permettere a chi si avvicina per la prima volta all'argomento di poter capire qual è la soluzione adatta alla propria necessità energetica.

 

News - 14 luglio 2014

Verifica del funzionamento del contatore elettrico

Contatore elettrico Milano: 339.3817537Quando si hanno dei dubbi a proposito del corretto funzionamento del proprio contatore dell'energia elettrica, in seguito magari all'aumento ingiustificato delle somme in bolletta, ci si può appellare al diritto di richiedere una richiesta di verifica sul suo effettivo funzionamento.

Una volta che la domanda è pervenuta al soggetto venditore, questo sarà tenuto ad informarci a proposito di eventuali costi da sostenere, aspettando poi una nostra risposta per la volontà di procedere; ora che le intenzioni sono state accertate il venditore del servizio avrà l'obbligo di trasmettere la richiesta di verifica al soggetto distributore dell'energia entro 2 giorni.

Questo passaggio è necessario in quanto il distributore dell'energia elettrica è anche il soggetto competente per quel che riguarda le verifiche dei contatori, e gli accertamenti sono svolti secondo quanto previsto dalle normative vigenti in merito.

In termini di tempo, la verifica dovrà essere effettuata entro 15 giorni lavorativi dal ricevimento della richiesta da parte del venditore, e qualora per propria responsabilità la verifica venisse svolta con tempi superiori, allora al cliente spetterà un indennizzo il cui ammontare dipenderà dall'ammontare del ritardo totale.

Qualora il contatore risultasse difettoso e causa di un errato calcolo dell'energia utilizzata, il distributore avrà il compito di sostituire gratuitamente l'apparecchio e di ricostruire gli effettivi consumi, calcolati male precedentemente dal contatore.

 

News - 7 luglio 2014

Installazione del citofono

Citofoni Milano: 339.3817537Quando si ha intenzione di installare un nuovo citofono per sostituirne uno ormai obsoleto, oppure per via delle funzioni che gli apparecchi più recenti hanno in dotazione, come vivavoce e video, bisogna sempre ricordare che, per quanto possa sembrare un'operazione semplice e veloce, è assolutamente necessario rispettare le norme d'installazione elettrica ed affidarsi sempre a tecnici esperti e qualificati.

Le diverse tipologie di modello, per quanto riguarda le modalità d'installazione, si differenziano per come vengono alimentate elettricamente, e bisogna distinguere quindi diverse modalità d'installazione a seconda di come il modello scelto dovrà essere collegato alla corrente.

Un esempio può essere quando il trasformatore del citofono richiede una installazione a parte, rendendo così necessaria un'installazione elettrica specifica per il dispositivo di alimentazione, anzichè essere integrato nella cornetta del citofono come in altri modelli.

Altri modelli più recenti risolvono ogni dubbio sulla necessità o meno di lavori sulla muratura grazie a una comoda soluzione, cioè dotando citofoni e videocitofoni di un classico cavo di alimentazione con la spina da collegare alla normale presa da muro.

Questi modelli permettono di installare ovunque un videocitofono, senza il bisogno di cablare alcunchè, ovunque sia necessario. 

 

News - 30 giugno 2014

Soluzione contro il black-out

Blackout eletrico Milano: 339.3817537Con l'evolversi della tecnologia che va a prendere sempre più spazio nella nostra vita di tutti i giorni, ci rendiamo conto di quanto siamo continuamente legati all'uso dell'energia elettrica, necessaria per alimentare macchinari o dispositivi che hanno una necessità continua di corrente per funzionare.

Quando si verifica un black-out possono esserci disagi e, a seconda dell'apparecchiatura, possono esserci pure danni gravi, come nel caso delle apparecchiature mediche come i respiratori automatici, che necessitano continuamente di elettricità per poter funzionare correttamente.

Per ovviare al problema dei black-out, sono stati progettati dei dispositivi detti soccorritori automatici d'emergenza, in grado di supportare gli apparecchi elettrici durante le interruzioni di servizio per farne continuare il corretto funzionamento.

Grazie a questo apparecchio è possibile evitare tutti i disagi e i fastidi dati dall'interruzione della fornitura elettrica, permettendoci di non perdere i dati non salvati sul computer di lavoro ad esempio, e garantendo quindi il funzionamento di tutti gli apparecchi elettrici ai quali è collegato.

Questo soccorritore d'emergenza non ha bisogno di linee elettriche aggiuntive, perchè è completamente integrabile in impianti elettrici preesistenti, e i diversi modelli disponibili in commercio hanno diverse durate di autonomia, che varia da un minimo di 1 ore fino a oltre 4 ore di supporto elettrico, grazie a speciali batterie che accumulano energia dalla normale rete elettrica, ricaricandosi autonomamente fino al momento di bisogno.

Riuscire a garantire una buona continuità del servizio permette di prevenire gran parte dei danni e dei disagi causati dal black-out, inoltre grazie anche agli strumenti diagnostici di cui sono dotati questi soccorritori automatici d'emergenza, ci permettenono di monitorare lo stato degli apparecchi collegati e la gestione dei carichi, permettendo di distribuire l'energia li dove è più necessaria. 

 

News - 23 giugno 2014

Normative sugli impianti d'allarme

Impianti d'allarme Milano: 339.3817537La serie di norme per l'installazione dei sistemi di sicurezza, per gli impianti anti incendio e dei sistemi di sorveglianza, ovvero la CEI 79-2 (sui prodotti) e la CEI 79-3 (sugli impianti), oltre a dare una definizione di base per l'impianto di allarme, intrusione e rapina, grazie anche ai nuovi aggiornamenti, introduce un metodo per la determinazione del livello di prestazione di un impianto.

La normativa parte infatti dalla progettazione di un sistema di allarme, che ha alla sua base la definizione di quali aree bisogna proteggere e con quale grado di sicurezza, per scegliere poi i componenti più idonei a seconda delle funzionalità richieste, in base all'analisi del rischio previsto.

Il motivo degli aggiornamenti alle norme è quello di permettere un efficace e veloce metodo per progettare e realizzare impianti di allarme e la loro manutenzione, riducendo gli allarmi indesiderati, e inoltre, permettere l'allineamento delle regole del nostro paese con le norme europee EN 50131 in materia di impianti di sicurezza e i suoi componenti.

Le nuove norme, introducendo il concetto di "grado di sicurezza", classificano i sistemi di allarme in quattro categorie, ognuna in relazione alla tipologia di effrazione o di intrusione a cui ci si aspetta che il sistema debba resistere, permettendo quindi di modificare il vecchio concetto di "livello di sicurezza" che si riferiva solo agli aspetti prestazionali dei singoli prodotti, mentre ora si riferisce esclusivamente all'impianto nel suo insiame, sempre in relazione al grado di sicurezza.

Grazie a questa possibilità di personalizzare il sistema d'allarme a seconda delle proprie richieste e necessità, questa norma va incontro sia ai proprietari di appartamenti in città, sia a quelle persone le cui proprietà si trovano lontane da altre abitazioni, e quindi maggiormente a rischio, permettendo di scegliere i dispositivi più adatti per garantire una maggiore sicurezza per la propria abitazione e per i propri cari.

 

News - 16 giugno 2014

Nuove regolamentazioni per gli impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici Milano: 339.3817537Aggiornamenti da parte dell'autorità per l'energia elettrica che recentemente ha modificato alcune norme sugli impianti fotovoltaici per usufruire degli incentivi economici e per restare collegati alla rete di distribuzione.

Queste nuove norme di aggiornamento riguardano il cambiamento delle frequenze di lavoro degli inverter, un dispositivo che è collegato tra i pannelli fotovoltaici e l'impianto, per poter convertire l'energia continua prodotta dai pannelli in energia elettrica alternata utilizzabile.

I segnali emessi dall'inverter dovranno essere aggiornati per non compromettere il corretto funzionamento e la sicurezza della rete stessa, e la mancata modifica di questi elementi comporta il distacco dalla rete e il blocco degli incentivi per l'energia.

A dover aggiornare le frequenze degli inverter sono quegli impianti con potenze superiori ai 6Kw allacciati alla rete in Bassa Tensione, e anche quelli allacciati alla rete in Media Tensione con potenze comprese fra i 20 e i 50 Kw, con un calendario da rispettare deliberato dall'autorità per l'energia elettrica, secondo cui gli impianti attivati dal 31 marzo 2012 e allacciati alla rete in Bassa Tensione dovranno aggiornarsi entro il 30 giugno 2014, mentre quelli con potenze superiori (ovvero quelle fra i 20 e i 50 KW) connessi alla rete di Media Tensione avranno come scadenza per l'aggiornamento il 30 giugno 2015.

Queste specifiche sulle potenze permettono di lasciare invariati tutti i regolamenti in vigore per tutti quegli impianti privati che molto raramente hanno potenze superiori ai 6Kw, da utilizzare in ambiti ristretti e familiari.

L'operazione di aggiornamento delle frequenze dell'inverter è un lavoro semplice che necessita di un computer collegato all'apparecchio per modificarne le caratteristiche tramite i programmi rilasciati dalle case produttrici dell'impianto.

A modifiche effettuate, la notizia dovrà essere comunicata all'ente di distribuzione dell'energia, sottoscritta dal tecnico abilitato allo svolgimento dei lavori effettuati.

 

News - 9 giugno 2014

L'importanza di un impianto a norma

Impianto elettrico a norma Milano: 339.3817537Si stima che in Italia oggigiorno la gran parte degli impianti elettrici presenti componenti deteriorati con rischio di fulminazione, o che non rispettino la legislazione sulla sicurezza elettrica.

Si è per questo cercato di avviare un grande lavoro in tutto il paese per l'ammodernamento degli impianti, questo grazie alla presenza di benefici fiscali per gli interventi di recupero e per la manutenzione straordinaria degli edifici esistenti, dei quali si può approfittare per rendere la propria casa un posto più sicuro per se e per i propri cari.

Accertarsi che il proprio impianto elettrico segua le indicazioni regolamentate dalla norma 64/8 è una scelta importante, e decidere di aggiornare in caso i suoi criteri di protezione e di gestione dell'energia elettrica può portare vantaggi non solo per la tutela delle persone, ma anche un risparmio energetico e quindi economico.

Che ci sia bisogno di realizzare un impianto livello base, standard o domotico, l'importante è rinnovare un vecchio impianto i cui componenti, dopo anni di uso, possono incrementare il rischio di corto circuiti, o ancora peggio di provocare incendi.

Verificare che il proprio impianto sia completamente a norma permette anche di proteggerti contro contatti involontari con parti in tensione elettrica, che se isolate correttamente non hanno modo di nuocere, così come una giusta distribuzione di punti presa e punti luce, per un uso corretto dell'impianto senza il rischio di creare sovraccarichi pericolosi.

Scegliere di avere un impianto a norma ti permetterà di avere un risparmio energetico ed economico vantaggioso, un maggiore comfort abitativo e una maggiore sicurezza, tutto a beneficio proprio e della propria abitazione

 

News - 2 giugno 2014

Soluzioni per installare un sistema domotico

Impianto Elettrico Domotico Milano: 339.3817537Gli ultimi ritrovati della tecnologia, progettati per aumentare il comfort abitativo di un'abitazione, per la gestione dei sistemi di sicurezza e per il risparmio energetico, vanno tutti identificati sotto il nome di sistema domotico, che ci permette una gestione completamente personalizzata e ottimizzata degli impianti tecnologici installati nell'abitazione.

Tutto questo è possibile scegliendo di installare un impianto domotico nella propria casa, in grado di programmare secondo i nostri desideri impianti di allarme, di climatizzazione, dei sistemi oscuranti e di tutto ciò che è possibile collegare ad un sistema elettronico, ma non esiste solo una tiplogia di impianto domotico, che può essere infatti diviso in due grandi tipologie, la Home Automation e la Building Automation.

La differenza sostanziale di queste due soluzioni d'automazione è che la Home Automation è un sistema progettato per la gestione di apparecchiature come l'impianto elettrico, i sistemi di protezione e per le automazioni in generale in un ambiente limitato come per una singola abitazione; per l'installazione in abitazioni particolarmente grandi, o quando si tratta di intervenire con lavori per interi edifici, di parla invece di Building Automation.

Quindi, a partire dall'estensione dell'impianto e dal numero di apparecchi e dispositivi che devono essere gestiti, la differenza fra Home e Building Automation risiede nel numero di punti da gestire attraverso le varie centraline, e anche il numero di utenti che usufruiranno dell'impianto domotico ultimato.

Entrambe le soluzioni mantengono intatte tutte le caratteristiche base dei dispositivi e degli impianti a cui vanno ad integrarsi, facilitando le funzioni di utilizzo dei sistemi anche da parte di persone anziane o con ridotta capacità fisica, e mantenendo sempre la possibilità di espandere gli impianti in base alle esigenze dei clienti e delle diverse necessità.

La modalità di comunicazione Wireless rappresenta forse la più avanzata soluzione di comunicazione dei sistemi domotici, ma esistono anche altre possibili soluzioni, come ad esempio l'uso di cavi a doppino o grazie alla rete elettrica, che a loro volta si suddividono in sistemi a due fili e a quattro fili: nei sistemi a due le informazioni e l'alimentazione corrono negli stessi conduttori, mentre nei sistemi a quattro fili i diversi segnali viaggiano su fili diversi.

In linea generale, il cablaggio a due fili risulta il più economico e vantaggioso in termine di spazi rispetto al sistema a quattro, ma i segnali di alimentazione e informazione, risultando di potenze differenti, fanno si che il sistema a 4 fili sia sempre più lo standard adottato, grazie anche alla sempre maggiore complessità degli impianti, anche se ormai un sistema domotico non può non offrire la possibilità di controllo e di verifica dell'impianto attraverso il web, utilizzando PC, smartphone o tablet.

Ultima differenza sulle diverse soluzioni domotiche, è quella di dotarsi di un impianto con sistema distribuito o centralizzato, ovvero scegliere fra un sistema dove tutti i conduttori passano convogliati in un quadro elettrico collegati a una centralina che controlli il tutto (sistema centralizzato), oppure decidere per un sistema a più moduli a cui è affidato la gestione di un'area specifica (sistema distribuito), e questo sistema è in genere più facile da espandere aggiungendo moduli man mano che la necessità aumenta, lasciando che i diversi moduli lavorino in maniera indipendente l'uno dall'altro o che vengano "sorvegliati" da un modulo di controllo che ne gestisce operatività e funzioni.

 

News - 26 maggio 2014

Impianto elettrico domotico

Impianto Elettrico Domotico Milano: 339.3817537Come puntualizzato negli scorsi articoli, la classificazione adottata dalla norma CEI 64-8 ha differenziato gli impianti elettrici domestici in 3 categorie, differenziandoli per prestazioni e configurazioni.

Il livello massimo che un impianto conforme a queste norme può raggiungere, è quello di 3° livello, ovvero l'impianto domotico, che oltre alle dotazioni dell'impianto minimo standard e del livello 2, introduce il concetto di risparmio energetico attraverso l'uso di dispositivi domotici installati nel'abitazione e l'incremento del comfort abitativo attraverso questi apparecchi.

Per essere definito a tutti gli effetti domotico, l'impianto deve essere collegato ad almeno quattro dispositivi che abbiano funzione di anti-intrusione, di gestione dei comandi luce, o la gestione della temperatura, di rilevazione incendio o anti-allagamento, e questi sono solo alcuni esempi delle potenzialità di una casa all'avanguardia e tecnologicamente evoluta.

Questa normativa rappresenta un passo in avanti verso un modello culturale che non modifica solo il concetto di impianto elettrico, ma aumenta anche le caratteristiche chiave come la sicurezza dell'impianto e l'affidabilità di questo nel tempo.

Il concetto di una casa intelligente, che possa essere sempre connessa con gli abitanti anche quando non sono presenti, è dettato dalla possibilità di poter comunicare attraverso la tecnologia wireless per controllare lo stato degli impianti, degli scenari, e di tutti gli apparecchi di sicurezza presenti in casa, anche dall'altro capo del mondo, in tempo reale e grazie a programmi semplici ed intuitivi.

Poter controllare da remoto non solo la gestione dei carichi elettrici, ma anche tutti questi dispositivi di sicurezza, permette di porre una particolare attenzione a strumenti domotici in grado di bloccare sul nascere fuoriuscite di gas o perdite d'acqua, grazie a speciali elettrovalvole che possono intervenire sul nascere del problema, aumentando significativamente la sicurezza della propria abitazione non solo da fattori esterni, ma anche da cause interne.

Rendere domotico il proprio impianto elettrico, significa aumentare notevolmente il comfort abitativo della propria casa, e anche porre un freno a consumi spropositati e inguistificati, grazie all'intervento di una tecnologia amica, capace di rendere casa nostra un posto ancora più accogliente e su misura alle proprie necessità.

 

News - 19 maggio 2014

Rispettare la dotazione standard di base per un impianto elettrico

Impianti elettrici Milano: 339.3817537Quando si decide di fare un'attenta revisione all'impianto elettrico, per motivi di manutenzione o ristrutturazione, lo si fa principlamente per la sicurezza della casa e anche per renderlo più consono alle esigenze familiari. Per chi si appresta a un simile lavoro, è utile che tutte le informazioni necessarie siano state raccolte per il rispetto della sicurezza domestica e per lo svolgimento dell'opera rispettando tutte le norme previste.

Da quando è stata approvata la variante v3 alla norma CEI 64/8, che stabilisce l'insieme delle regole degli impianti elettrici domestici, le leggi in materia hanno avuto importanti modifiche, soprattutto nel definire un criterio di standard qualitativo di base che ogni impianto elettrico che verrà realizzato dovrà rispettare.

Questo nuovo insieme di normative non stabilisce soltanto quali sono i criteri di sicurezza da rispettare e le variabili tecniche da valutare a seconda dell'utilizzo, ma indica anche come disporre nell'abitazione gli elementi come le prese e i punti luce, questo perchè spesso questo genere di elementi venivano disposti seguendo criteri a vantaggio solo di installatori e costruttori.

La norma prevede più livelli qualitativi dell'impianto, il livello 1, il livello 2 e il livello 3, referenti ognuno ad abitazioni con dimensioni e funzionalità diverse, e per le quali sono previste dunque caratteristiche differenti fra di loro.

Occupandoci degli impianti standard, il cui utilizzo è ristretto alla maggior parte delle abitazioni più comuni, ovvero quelle con superficie abitabile compresa fra i 75 e gli 85 mq, per questi appartamenti l'impianto deve innanzitutto essere predisposto a supportare potenze elettriche comprese fra i 3 e i 6Kw massimi.

Altri dispositivi indispensabili per rientrare nelle norme che stabiliscono l'affidabilità e l'efficienza di un impianto elettrico standard, sono ad esempio l'interruttore generale con funzione di interruttore di emergenza, o la presenza di quadri elettrici con modularità aumentata rispetto a quella progettata dell'impianto; inoltre, fra gli altri strumenti di sicurezza, è importante ricordare come l'impianto dovrà essere fornito di almeno due interruttori differenziali, o salvavita, che possano garantire la continuità di servizio su almeno una delle due linee.

Queste prescrizioni rappresentano le basi minime di qualità che vanno previste nella realizzazione di un impianto elettrico di livello 1; in aggiunta possono essere aggiunte apparecchiature in previsione di disagi e problemi a cui l'impianto dovrà essere sottoposto, come dispositivi per la protezione dei circuiti, o la presenza di lampade di emergenza.

 

News - 12 maggio 2014

Localizzare un guasto all'impianto elettrico

Guasto elettrico Milano: 339.3817537Generalmente, per trovare il punto esatto da dove è partito un guasto sulla linea elettrica, l'intervento più semplice è quello di disabilitare tutti di dispositivi di sicurezza assieme all'interruttore generale, per poi riattivare ogni protezione singolarmente assieme alla corrente. In questo modo si potrà velocemente individuare la linea su cui è presente il guasto, questo perchè provocherà una volta riattivata l'intervento di protezione dei dispositivi di sicurezza.

Il vostro impianto elettrico deve essere infatti realizzato secondo degli standard di riferimento, non solo per quanto riguarda la presenza di queste protezioni differenziali, di tipo AC per i carichi elettrici ordinari e di tipo A per i carichi con elevato contenuto elettronico, ma devono essere installate anche le protezioni contro i corto circuiti e gli eccessivi assorbimenti d'energia, chiamati generalmente dispositivi automatici magnetotermici.

Una volta localizzata la linea che presenta il guasto, si devono scollegare tutte le apparecchiature per andare a riattivarle poi singolarmente, fino a quando non ci si imbatterà nell'elettrodomestico o apparecchio che attiva la protezione di sicurezza.

Se il problema dello scatto del contatore si manifesta anche quando nessuna apparecchiatura è collegata ad esso, il problema potrebbe essere in un punto della linea come una presa guasta o una cassetta di derivazione difettosa.

Dovendo agire manualmente su fili e cavi da ricollegare singolarmente, la presenza di un tecnico esperto è fortemente raccomandata per evitare rischi e danni anche gravi a cose o persone, affidarsi ad un elettricista competente potrà anche illustrarci sulla situazione tecnica del nostro impianto, se ad esempio è stato realizzato con criteri di qualità e nel rispetto delle norme vigenti, e a guidarci per trovare la soluzione migliore per il proprio caso.

 

News - 5 maggio 2014

Testare la funzionalità del salvavita

Interruttore differenziale Milano: 339.3817537L'interruttore magnetotermico differenziale, più comunemente conosciuto con il nome di salvavita, è un dispositivo essenziale per la sicurezza contro i contatti accidentali di parti elettriche in tensione, evitando che la corrente elettrica possa attraversare una persona, provocando seri danni.

Questi dispositivi hanno integrati un pulsante che ci permette, se azionato, di verificare il corretto e reale funzionamento dell'interruttore differenziale. E' importante assicurarsi che il salvavita funzioni correttamente, perchè se così non fosse non riuscirebbe a proteggere le persone in caso di contatti con parti in tensione, con gli eventuali rischi connessi.

E' raccomandato che un test del genere venga effettuato almeno una volta al mese, in quanto basta premere il pulsante, contraddistindo generalmente dalla lettera T, per assicurarci con facilità che la sicurezza da un contatto con la corrente è ottimale.
Se dopo aver premuto il pulsante l'energia elettrica si interrompe, allora il dispositivo funziona ancora correttamente.

Nel caso in cui il salvavita dovesse andare in funzione con il conseguente scatto, per riattivarlo è bene ricordare di attivare per primo l'interruttore differenziale e solo dopo l'interruttore magnetotermico, se non dovesse rimanere in posizione, potrebbe essere a causa di un guasto sul circuito o sullo stesso salvavita, in questi casi, chiamare un tecnico abilitato è fondamentale per la sicurezza e l'incolumità delle persone.

Prendersi cura di un apparecchio basilare per la sicurezza della casa, è un gesto di responsabilità.

 

News - 28 aprile 2014

Energia Fotovoltaica

Energia fotovoltaica Milano: 339.3817537Grazie alla sua natura durevole e all'assenza di impatto ambientale, l'energia fotovoltaica è da considerarsi come la risorsa energetica del futuro.
Un impianto fotovoltaico è da considerarsi quindi un investimento, più che una spesa, per poter trasformare l'energia solare in energia elettrica, in quanto, in termini economici, l'energia da esso prodotta genera ricavi superiori alla spesa necessaria per installarlo e mantenerlo efficiente, andando ad ammortizzare il costo iniziale nel corso degli anni.

Oltre ai motivi economici, un impianto fotovoltaico contribuisce a ridurre l'uso dei combustibili fossili, e quindi a diminuire le emissioni di co2 nell'atmosfera, diventando quindi la spinta principale per la ricerca di un'energia pulita e sempre a minor costo.

Decidere di installare un impianto fotovoltaico, sul tetto della propria abitazione o nel giardino, permette dunque un abbattimento del costo della propria spesa energetica e non solo: l'energia non consumata può infatti essere ceduta alla normale rete elettrica ottenendo un profitto economico dall'energia prodotta dal proprio impianto.

Che sia per uso civile o industriale, sul mercato esistono oggi tre principali tipologie di sistemi fotovoltaici: gli impianti "stand alone" o isolati non sono connessi alla rete elettrica e quindi non possono cedere l'energia in eccesso ma vanno ad accumularla in speciali batterie, ci sono poi gli impianti "Grid Connect", connessi alla rete elettrica, e allacciati ad una distribuzione dell'energia gestita da una società terza, e infine ci sono gli impianti cosiddetti "ibridi", sistemi dove c'è un collegamento diretto con la rete elettrica e gli utenti possono scambiare l'energia prodotta in eccesso, o nel caso di una necessità maggiore, contare anche sulla normale erogazione di energia dalla rete nazionale.

Le potenzialità sull'uso dell'energia prodotta tramite impianti fotovoltaici non si fermano solo al consumo dell'elettricità, ma ci consente di sfruttare l'energia anche per il riscaldamento dell'acqua sanitaria per l'uso quotidiano senza utilizzare gas o elettricità, sostituendo i tradizionali modelli di scaldabagno o di caldaia per il riscaldamento, per il bagno, ecc.

Lo stato ha avviato negli ultimi anni una serie di agevolazioni ed incentivi per l'acquisto di pannelli solari e l'installazione di impianti fotovoltaici, differenti di regione in regione, per favorire lo sviluppo sul territorio nazionale finanziando in alcuni casi oltre il 60% del costo totale dell'impianto.

 

News - 21 aprile 2014

Verifica di un impianto elettrico

Verifica impianto elettrico Milano: 339.3817537Da non confondere con il collaudo o con l'omologazione, per verifica di un impianto elettrico si intendono diverse operazioni atte a comprovare la rispondenza di un impianto alle norme di sicurezza CEI 64-8/6. Non effettuare le verifiche periodiche, ovvero non accertare che le condizioni iniziali di sicurezza ed efficienza non siano mutate, espone l'installatore a gravi conseguenze. Le suddette norme, in un capitolo dedicato, regolano e stabiliscono la periodicità di tali verifiche, ma, dove mancassero indicazioni precise, i tempi possono anche essere stabiliti dallo stato di conservazione dell'impianto.

Una delle operazioni di controllo principali è quella detta Verifica a Vista, che comporta l'analisi di tutto l'impianto, per controllare proprio che ogni componente dell'impianto sia realizzata a norma: i cui materiali devono risultare ancora integri, o che le distanze di sicurezza siano rispettate, che ci siano i giusti accorgimenti contro i contatti diretti, che la colorazione dei cavi sia rispettata, o ancora che i conduttori siano correttamente giuntati, questo è solo un breve riepilogo che non comprende tutte le misure contenute in questa verifica.

Altro strumento di controllo di un impianto elettrico sono le Prove, queste sono di carattere obbligatorio, ove applicabili; con queste si vuole accertare l'effettiva efficienza e corrispondenza dell'impianto alle norme CEI, e fra queste ricordiamo a titolo informativo:

- Prova della resistenza di isolamento
- Prova di funzionamento dei dispositivi
- Prova della separazione elettrica SELV e PELV
- Prova di continuità dei conduttori di protezione ed equipotenzia

Esistono poi altre tipologia di prove, ma tutte hanno in comune il dover essere effettuate con strumenti dedicati allo scopo, e con la presenza di un tecnico, documentato sull'impianto, che sappia operare con tutte le precauzioni necessarie a garantire l'incolumità delle persone.

Per quanto riguarda gli impianti elettrici già esistenti, i controlli di verifica hanno l'utilità di accertare la presenza di un livello di sicurezza accettabile, sempre che non siano più ritenute accettabili le normative vigenti al momento della costruzione dell'impianto.

Controllare con la giusta periodicità i nostri impianti elettrici ci permette di evitare danni e incidenti, che possono portare a conseguenze anche gravi per l'incolumità delle persone.

 

News - 14 aprile 2014

Il corto circuito

Cortocircuito Milano: 339.3817537 È senz'altro l'incidente domestico più pericoloso, vista la probabilità di venire fulminati o che la casa stessa possa andare a fuoco, se non vengono presi a tempo debito accorgimenti mirati.

Innanzitutto, è bene specificare che un impianto elettrico a norma prevede nella sua progettazione alcuni standard di sicurezza minimi, che sono la messa a terra ed il salvavita, che va a staccare la corrente automaticamente nel caso di problemi.

Quindi, l'importanza di affidarsi ad impianti progettati e realizzati secondo le ultime norme vigenti, serve anche ad evitare di imbattersi in simili eventi, che si verificano in genere quando un apparecchio elettrodomestico va in massa, ovvero perde isolamento, oppure quando i fili dell'impianto vanno a surriscaldarsi a causa di un forte carico elettrico.

E' molto importante, a seguito di un corto circuito, verificare da dove sia partito e quale sia l'elettrodomestico o la presa che ha creato il problema, quindi bisogna individuare quale circuito ha presentato il problema.

Per accertarsi del guasto bisogna controllare con attenzione tutti gli elettrodomestici attaccati alla corrente, i punti-luce fissi e le prese, e per ricercare senza rischi per l'incolumità di chi non è un esperto del settore, è sempre bene richiedere l'intervento di un bravo elettricista che possa condurre la ricerca del guasto per voi.

Si nota allora come sia indispensabile far controllare nel lungo periodo tutto l'impianto elettrico, facendo tutti gli interventi di manutenzione necessari, per rintracciare e sostituire cavi deteriorati o con filamenti scoperti.

 

News - 7 aprile 2014

I vantaggi di un impianto domotico

Impianto domotico Milano: 339.3817537Grazie ai progressi della tecnologia oggi l'impianto elettrico domotico risulta più vantaggioso e completamente adattabile rispetto ad un impianto classico, infatti consente per esempio di poter riprogrammare il compito di ogni pulsante della casa semplicemente grazie ad un pc, e le soluzioni che si vengono quindi a creare per adattarlo ad ogni ambiente sono molteplici.

Le variabili che influiscono sul costo finale, dalla scelta personale delle funzioni in base alle dimensioni, alla distribuzione degli spazi dell’abitazione e ai costi d’installazione, potrebbero variare di molto anche per impianti simili.

Il prezzo standard di un impianto domotico di base non è però molto più costoso rispetto ad un impianto elettrico tradizionale, e la possibilità di integrare successivamente all'installazione dell'impianto base in se, ogni genere di modulo aggiuntivo che può servirci, ci consente di avere costi più dilazionati nel tempo.

Infatti realizzato un impianto domotico di base, si può in seguito decidere di aggiungere moduli e funzioni a proprio piacimento anche nel corso del tempo: dal comandare le tapparelle, le tende o dal gestire l'impianto di riscaldamento o di irrigaazione, l'attivazione degli automatismi può avvenire sia a livello singolo, che all'interno di scenari programmati per aumentare il comfort abitativo durante gli orari e le situazioni progettate, grazie anche ad esempio ai nuovi kit di videocitofonia, degli impianti antifurto senza fili, ma anche grazie a nuovi pannelli domotici di controllo tattili touch-screen, per la visualizzazione di tutte le funzioni della casa attraverso planimetrie e fotografie dell’appartamento.

Quando tutte queste possibilità nel campo dell'illuminazione e dell'automazione sono rese possibili, il comfort abitativo e il risparmio energetico possono migliorare significativamente, aumentando la qualità della vita nel rispetto dell'ambiente.

 

News - 31 marzo 2014

Bollette luce e gas in calo

Bolletta luce e gas in calo L'Autorità per l'energia e il gas, nell'aggiornamento dei prezzi di riferimento per il trimestre che parte da aprile, ha deciso una riduzione della bolletta, con flessioni per l'elettricità dell'1,1% e invece per il gas del 3,8%; questa diminuzione è legata al prezzo in discesa del gas utilizzato per la produzione dell'energia termoelettrica.

Nel dettaglio, da aprile, il prezzo di riferimento dell'energia elettrica sarà di 18,975 centesimi di euro per kilowattora, invece il prezzo di riferimento del gas sarà 83,01 centesimi di euro per metro cubo, tasse incluse.

Per la famiglia media, i cui consumi vengono calcolati in 2700kWh all'anno e una potenza impegnata di 3kW, la spesa media annua per l'elettricità calcolata dall'autorithy sarà di 512 euro distribuiti come segue:
- 21% per gli oneri generali di sistema, pari a 110 euro;
- 49% per il costo di approviggionamento dell'energia, pari a 253 euro;
- 15% per i servizi di rete, per un valore di 81 euro;
- 13% per imposte comprendenti accise e IVA, con un costo di 68 euro.

 

News - 25 marzo 2014

Somfy e Hitachi: un nuovo accordo nel segno della domotica

Somfy Hitachi domotica io-homecontrol Milano: 339.3817537L'azienda Somfy, creatrice del sistema domotico TaHoma, uno dei più innovativi e adatti a gestire e controllare la propria abitazione in modo intuitivo, facile e innovativo, dopo i risultati ottenuti con la gestione da remoto e via wireless di finestre, tende da sole, apertura dei cancelli, tapparelle, degli impianti di riscaldamento e del sistema d'allarme, ci permetterà anche di azionare e regolare le pompe di calore e i sistemi di condizionamento.

Questo grazie ad un nuovo accordo stretto con la Hitachi per la gestione dei sistemi di condizionamento e in particolare della nuova serie di pompe di calore aria-acqua della serie Hitachi Yutaki, con l'obiettivo di allargare maggiormente il campo delle applicazioni della casa che è possibile gestire tramite la loro creazione, appunto TaHoma.

Si tratta di una nuova conquista per un sistema flessibile che non necessita di invasive opere murarie e può essere implementata nel tempo sul nascere delle nuove esigenze: le nuove applicazioni domotiche in casa potranno infatti essere integrate nel sistema in qualunque momento; questo sistema risulta essere particolarmente efficace non solo per nuove abitazioni, ma anche nel caso di ristrutturazioni, data la sua semplicità di installazione e di controllo tramite tablet, smartphone o computer connessi alla rete da ogni luogo ci si trovi.

I risultati evidenti di questa partnership sono stati mostrati durante la MCE 2014 (Mostra Convegno Expocomfort) alla FieraMilano di Rho che si è svolta dal 18 al 21 marzo 2014. In uno scenario complesso una tapparella, un sistema di luci e un condizionatore Hitachi interagivano per mostrare tutti i vantaggi di questa innovazione nel campo della domotica wireless, applicabile attraverso il loro sistema IO-HOMECONTROL a tutti i dispositivi compatibili come porte di garage, cancelli d'ingresso, impianto luci e quant'altro, per ricreare la soluzione più adatta alle necessità specifiche di ognuno, a seconda del proprio modo di vivere.

 

News - 17 marzo 2014

Guida alla nuova normativa 64.8 variante 3 sugli impianti elettrici

Normativa CEI 64-8 variante 3 a Milano: 339.3817537La nuova normativa comunitaria 64-8 nella nuova variante V3 fornisce indicazioni aggiornate per la realizzazione degli impianti elettrici a seconda delle diverse classificazioni degli ambienti.
Le nuove norme determinano quali caratteristiche specifiche devono essere rispettate in fatto di risparmio energetico, comfort abitativo e di prestazioni obbligatorie, le norme si applicano sui nuovi impianti, sul rifacimento completo degli impianti esistenti e sulle parti comuni degli edifici residenziali.

A cominciare dal centralino i nuovi modelli sono più grandi rispetto ai vecchi modelli e devono avere oltre l'interruttore generale, almeno due interruttori differenziali, generalmente chiamati salvavita; i nuovi quadri elettrici sono inoltre divisi in tre "circuiti" distinti, uno a 16 Ampere per le prese, uno da 10 per le luci e un circuito per l'alimentazione, e il terzo da 12V per i circuiti di chiamata.

La variante V3 inoltre descrive come strutturare gli impianti in considerazione delle seguenti apparecchiature:

-Differenziali in classe A per la protezione dei circuiti a cui fanno le apparecchiature con parti elettroniche, i condizionatori e le lavatrici.
-Differenziali con elevata insensibilità ai disturbi elettromagnetici con in alternativa il dispositivo di richiusura automatica.
-Predisposizione dell'alimentazione elettrica per l'elettrovalvola di intercettazione del gas domestico, da porre in vicinanza all'ingresso del gas nell'abitazione.
-Punti presa della cucina e della lavatrice con ALMENO una presa di tipo Schuko.

Fra le novità della normativa c'è anche l'introduzione di tre livelli di prestazioni come riferimento per le realizzazioni degli impianti elettrici, per ciascuna tipologia sono indicate le dotazioni minime come la potenza contrattuale impiegata, che viene diversificata in base alla superficie della casa.
Nel livello standard minimo, la normativa spiega come i punti luce e i punti presa devono essere distribuiti in modo uniforme lungo le pareti o quanti e quali debbano esserci attraverso i diversi ambienti della casa come la cucina o il bagno; questi livelli di base obbligatori, che costituiscono il livello 1, possono venire poi ampliati, tramite un sistema di controllo dei carichi, al livello standard Intermedio (livello 2): e cioè con la funzione di scollegare i carichi di corrente non prioritari, in caso di superamento della soglia di energia prefissata, evitando fastidiosi distacchi della linea principale derivanti da un'eccessiva richiesta di potenza.
La qualità di un impianto del livello 2 è superata solo grazie all'introduzione di dotazioni domotiche tecnologicamente avanzate (livello 3), per attestare il concetto di un impianto domotico, è necessario installare almeno quattro delle seguenti attrezzature:

-Gestione delle temperature dei locali
-Controllo e gestione dei carichi
-Impianti anti intrusione
-Gestione e automazione dei saliscendi (tapparelle)
-Sistema di diffusione sonora
-Controllo attraverso internet o via sms di più funzioni
-Rilavazione di fumi e incendio
-Sistema antiallagamento
-Sistema di rivelazione fughe di Gas

 

News - 10 marzo 2014

L'importanza dei sistemi antifurto per la tua casa

Antifurto casa Milano: 339.3817537Il mondo degli antifurto, grazie allo sviluppo delle soluzioni tecnologiche più avanzate, ha prodotto dei nuovi sistemi all'avanguardia che non sorvegliano solo l'abitazione, ma riescono a garantire anche la sicurezza della persona.
I nuovi impianti antifurto wireless infatti non danno soltanto la possibilità di essere installati senza dover mettere mano all'impianto elettrico, ma danno anche la sicurezza da intrusioni con gli innovativi sistemi di Anticoercizione e Antiaggressione; ma cosa significano nello specifico questi due termini?

Il sistema anticoercizione permette di inserire un codice che, non permettendo l'attivazione dei sistemi locali di allarme (sirene), simuli la disattivazione dell'impianto, mentre in realtà avvisa direttamente le forze dell'ordine o i numeri programmati nell'antifurto.

Il secondo sistema, ovvero quello antiaggressione, è invece un deterrente contro i malintenzionati attivabile tramite un tasto sul telecomando dell'antifurto, che attiva le sirene esterne in situazioni di pericolo senza far scattare però tutte le misure di sicurezza.

Altro punto di forza del sistema antifurto wireless è la possibilità rispetto ai vecchi antifurto con collegamento via filo di non dover intervenire in modo invasivo sui muri della propria casa, oppure un'altra possibilità consentita dalle nuove tecnologie è la gestibilità da remoto del sistema grazie ai tablet o smartphone di nuova generazione, per avere sempre la situazione della propria abitazione sotto controllo.

 

News - 3 marzo 2014

Riqualificazione energetica, tutto ciò che bisogna sapere

Risparmio Energetico elettricista Milano: 339.3817537 Quello che gli esperti definiscono "riqualificazione energetica" non è soltanto lo sviluppo di sistemi che possano sfruttare fonti energetiche rinnovabili in sostituzione dei tradizionali combustibili fossili, ma è anche il concetto attraverso il quale ottimizzare la gestione degli attuali servizi energetici e soprattutto per contenere i consumi di energia.
Tutte queste accortezze possono influire in maniera notevole al consumo di energia di un edificio, migliorandone quindi la quantità dei flussi energetici che passano tra l'edificio e l'ambiente esterno. Quindi il risparmio si può ottenere non solo con una maggiore attenzione verso gli sprechi energetici, ma anche facendo sì che la qualità del sistema elettrico di un edificio sia più efficente e attento a questo genere di tematica.

Per intervenire correttamente ed effettuare un programma di efficienza energetica, una seria diagnosi energetica è una componente chiave che nasce dalla necessità di stabilire dei parametri per avere in seguito riconosciuto il conseguimento di un ambiente regolato secondo la norma UNI CEI EN ISO 50001. Infatti sia in campo europeo, che in ambito nazionale, vi sono forti segnali che spingono a creare o mantenere un sistema di gestione dell'energia più responsabile per migliorare la propria prestazione energetica. Lo stato ha infatti avviato una serie di agevolazioni fiscali atte al recupero energetico degli edifici esistenti e alla ristrutturazione di abitazioni inutilizzate:

"Sulle spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2014, per gli interventi di riqualificazione energetica di edifici già esistenti, spetta una detrazione del 65%. Percentuale che passerà al 50%, per i pagamenti effettuati dal 1º gennaio 2015 al 31 dicembre 2015." [Fonte agenzia delle Entrate]

Questa serie di sgravi fiscali e detrazioni vengono messe in campo per chiunque abbia sostenuto le seguenti spese (a carico quindi del contribuente e non incentivati dal Comune):
- Interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti*
- Interventi su edifici esistenti, parti di edifici o unità immobiliari*
- L’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda per usi domestici o industriali*
- Interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione e contestuale messa a punto del sistema di distribuzione.*
- Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore ad alta efficienza*
- Interventi di sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria*

Fonte: Agenzia delle Entrate - Riqualificazione Energetica / Scheda Informativa

 

Elettricista Milano
Pronto Intervento 24 ore su 24

Clicca e chiamaci al 339.3817537

Quante volte ti è capitato di avere problemi col tuo impianto elettrico e di avere urgente bisogno di una riparazione? Potresti aver bisogno di sostituire un salvavita o di installare un impianto antifurto o antincendio nella tua abitazione, azienda o ufficio. Oppure hai intenzione di rifare il tuo impianto di antenna tv o satellitare, come potresti aver bisogno di un nuovo videocitofono o di automatizzare il tuo pesante cancello in ferro rendendo più semplice e veloce l'ingresso nella tua proprietà.

Elettricista pannelli fotovoltaici MilanoI nostri tecnici specializzati potranno anche studiare soluzioni su misura per il risparmio energetico della tua abitazione tramite l'adozione delle ultime tecnologie fotovoltaiche.



Cosa aspetti? Per tutto questo e per molto altro puoi chiamare il 339 3817537 , siamo a tua completa disposizione tutto l'anno 24 ore su 24, anche ad agosto e nei giorni festivi.
I nostri elettricisti qualificati sono specializzati in ogni ambito e sapranno risolvere ogni tuo problema elettrico relativo a impianti civili o industriali.

Scopri tutti i nostri servizi

 

Zone e quartieri di Milano raggiunti dal servizio:

Mappa Milano



Elettricista Milano Zona 1ELETTRICISTA MILANO ZONA 1:

- Elettricista Milano Brera
- Elettricista Milano Centro Storico
- Elettricista Milano Conca del Naviglio
- Elettricista Milano Guastalla
- Elettricista Milano Quartiere Magenta
- Elettricista Milano Monforte
- Elettricista Milano Porta Sempione
- Elettricista Milano Porta Tenaglia
- Elettricista Milano Porta Ticinese
- Elettricista Milano Quadrilatero
- Elettricista Milano Sant'Agostino
- Elettricista Milano Sant'Ambrogio


elettricista Milano Zona 2ELETTRICISTA MILANO ZONA 2:

- Elettricista Milano Crescenzago
- Elettricista Milano Fornasetta
- Elettricista Milano Gorla
- Elettricista Milano Greco
- Elettricista Milano Loreto
- Elettricista Milano Maggiolina
- Elettricista Milano Mirabello
- Elettricista Milano Ponte Seveso
- Elettricista Milano Porta Nuova
- Elettricista Milano Precotto
- Elettricista Milano Quartiere Adriano
- Elettricista Milano Stazione Centrale
- Elettricista Milano Turro
- Elettricista Milano Villaggio dei Giornalisti


elettricista Milano Zona 3ELETTRICISTA MILANO ZONA 3:

- Elettricista Milano Casoretto
- Elettricista Milano Cimiano
- Elettricista Milano Città degli Studi
- Elettricista Milano Dosso
- Elettricista Milano Lambrate
- Elettricista Milano Ortica
- Elettricista Milano Porta Monforte
- Elettricista Milano Porta Venezia
- Elettricista Milano Quartiere Feltre
- Elettricista Milano Rottole


elettricista Milano Zona 4ELETTRICISTA MILANO ZONA 4:

- Elettricista Milano Acquabella
- Elettricista Milano Calvairate
- Elettricista Milano Castagnedo
- Elettricista Milano Cavriano
- Elettricista Milano Corvetto
- Elettricista Milano Gamboloita
- Elettricista Milano La Trecca
- Elettricista Milano Monluè
- Elettricista Milano Morsenchio
- Elettricista Milano Nosedo
- Elettricista Milano Ponte Lambro
- Elettricista Milano Porta Romana
- Elettricista Milano Porta Vittoria
- Elettricista Milano Quartiere Forlanini
- Elettricista Milano Quartiere Omero
- Elettricista Milano Rogoredo
- Elettricista Milano San Luigi
- Elettricista Milano Santa Giulia
- Elettricista Milano Taliedo
- Elettricista Milano Triulzo Superiore


elettricista Milano Zona 5ELETTRICISTA MILANO ZONA 5:

- Elettricista Milano Case Nuove
- Elettricista Milano Chiaravalle
- Elettricista Milano Chiesa Rossa
- Elettricista Milano Conca Fallata
- Elettricista Milano Gratosoglio
- Elettricista Milano Macconago
- Elettricista Milano Morivione
- Elettricista Milano Porta Lodovica
- Elettricista Milano Porta Vigentina
- Elettricista Milano Quartiere Basmetto
- Elettricista Milano Quartiere Cantalupa
- Elettricista Milano Quartiere Le Terrazze
- Elettricista Milano Quartiere Madonna di Fatima
- Elettricista Milano Quartiere Missaglia
- Elettricista Milano Quartiere Torretta
- Elettricista Milano Quintosole
- Elettricista Milano Ronchetto delle Rane
- Elettricista Milano San Gottardo
- Elettricista Milano Selvanesco
- Elettricista Milano Stadera
- Elettricista Milano Vaiano Valle
- Elettricista Milano Vigentino


elettricista Milano Zona 6ELETTRICISTA MILANO ZONA 6:

- Elettricista Milano Arzaga
- Elettricista Milano Barona
- Elettricista Milano Boffalora
- Elettricista Milano Conchetta
- Elettricista Milano Creta
- Elettricista Milano Foppette
- Elettricista Milano Giambellino
- Elettricista Milano Lorenteggio
- Elettricista Milano Moncucco
- Elettricista Milano Porta Genova
- Elettricista Milano Porta Ticinese
- Elettricista Milano Quartiere Cascina Bianca
- Elettricista Milano Quartiere Lodovico Il Moro
- Elettricista Milano Quartiere Sant'Ambrogio
- Elettricista Milano Quartiere Teramo
- Elettricista Milano Quartiere Villa Magentino
- Elettricista Milano Ronchetto sul Naviglio
- Elettricista Milano San Cristoforo
- Elettricista Milano Villaggio dei Fiori


elettricista Milano Zona 7ELETTRICISTA MILANO ZONA 7:

- Elettricista Milano Assiano
- Elettricista Milano Baggio
- Elettricista Milano Figino
- Elettricista Milano Fopponino
- Elettricista Milano Forze Armate
- Elettricista Milano Frua
- Elettricista Milano La Maddalena
- Elettricista Milano Muggiano
- Elettricista Milano Porta Magenta
- Elettricista Milano Quartiere De Angeli
- Elettricista Milano Quartiere degli Olmi
- Elettricista Milano Quartiere Harar
- Elettricista Milano Quartiere Valsesia
- Elettricista Milano Quartiere Vercellese
- Elettricista Milano Quarto Cagnino
- Elettricista Milano Quinto Romano
- Elettricista Milano San Siro


elettricista Milano Zona 8ELETTRICISTA MILANO ZONA 8:

- Elettricista Milano Boldinasco
- Elettricista Milano Bullona
- Elettricista Milano Cagnola
- Elettricista Milano Cascina Triulza
- Elettricista Milano Fiera
- Elettricista Milano Garegnano
- Elettricista Milano Ghisolfa
- Elettricista Milano Lampugnano
- Elettricista Milano Musocco
- Elettricista Milano Porta Volta
- Elettricista Milano Portello
- Elettricista Milano Quartiere Campo dei Fiori
- Elettricista Milano Quartiere Comina
- Elettricista Milano Quartiere Gallaratese
- Elettricista Milano Quartiere San Leonardo
- Elettricista Milano Quartiere T.8
- Elettricista Milano Quartiere Varesina
- Elettricista Milano Quarto Oggiaro
- Elettricista Milano Roserio
- Elettricista Milano Trenno
- Elettricista Milano Vialba
- Elettricista Milano Villapizzone


elettricista Milano Zona 9ELETTRICISTA MILANO ZONA 9:

- Elettricista Milano Affori
- Elettricista Milano Bicocca
- Elettricista Milano Bovisa
- Elettricista Milano Bovisasca
- Elettricista Milano Bruzzano
- Elettricista Milano Ca' Granda
- Elettricista Milano Centro Direzionale
- Elettricista Milano Comasina
- Elettricista Milano Dergano
- Elettricista Milano Fulvio Testi
- Elettricista Milano Isola
- Elettricista Milano La Fontana
- Elettricista Milano Montalbino
- Elettricista Milano Niguarda
- Elettricista Milano Porta Garibaldi
- Elettricista Milano Porta Nuova
- Elettricista Milano Prato Centenaro
- Elettricista Milano Segnano